AKU, la forma all’origine di ogni calzatura

Aku Performance Fit, la forma all’origine di ogni calzatura

08/01/2020
scritto da Eva Toschi

La capacità di generare la forma della calzatura è forse il più grande patrimonio delle aziende di produzione di calzature tecniche. Attraverso l’utilizzo della forma ricavata artigianalmente, i modellisti creano un oggetto tridimensionale, la scarpa, partendo da elementi bidimensionali stesi in piano, cioè pelle e tessuti. Il valore di questa lavorazione è percepibile nella calzata di ogni singolo modello, apprezzando l’armonia e il comfort con i quali i materiali costruttivi si adattano all’anatomia del piede, seguendone il naturale movimento durante la camminata.

La realizzazione di una forma, frutto di una costante ricerca sull’anatomia plantare, è un processo lungo ed accurato nel quale si condensa la lunga esperienza di AKU nella progettazione e produzione di calzature di alta qualità da alpinismo, backpacking e trekking.

La forma originaria AKU è la matrice dalla quale, grazie a specifici adattamenti, derivano le diverse tipologie di forma, che variano in rapporto ai diversi modelli e alla specifica funzione d’uso del prodotto.

Forme morbide ed accoglienti sono la prerogativa delle calzature del segmento ACTIVE, destinate all’attività outdoor leggera, in condizioni non impegnative e su fondi regolari. Forme avvolgenti ed anatomiche sono invece destinate alle calzature del segmento TREKKING, per offrire stabilità e favorire l’azione dinamica nella camminata su sentieri di montagna con fondo molto irregolare. Infine, forme asciutte ed allungate sono impiegate nelle calzature professionali del segmento MOUNTAIN, per favorire la precisione e la sensibilità nell’utilizzo in arrampicata su roccia e ghiaccio. Come ad esempio nei modelli AKU Serai GTX e AKU Tengu GTX che adottano la forma Performance Fit. Qui il tallone ha una forma anatomica concepita per trattenere il piede e con la parte dell’avampiede che, senza compromettere la precisione in punta, è più spaziosa e garantisce così una migliore termicità e circolazione sanguigna anche durante soste prolungate con i piedi nella neve.

Potrebbe interessarti anche

Commenti