Cesare Pisoni e le Squadre Nazionali di Snowboard

Abbiamo chiesto al Direttore Tecnico della Nazionale italiana di Snowboard un resoconto completo e sincero della stagione appena trascorsa. Scoprite cosa ci ha rivelato.

30/03/2017

Ciao Cesare, andiamo subito al punto. La Coppa del Mondo si è appena conclusa, riesci a caldo a farci un resoconto generale su come è andata secondo il tuo punto di vista quest’anno?
Ciao Elisa, è stata una stagione molto impegnativa le nostre 3 squadre (per lo Snowboard) nel complesso hanno continuato la crescita di livello e prestazioni. Quest’anno abbiamo stabilito il nuovo record storico di podi in una stagione per lo Snowboard Italiano (18 podi in Coppa del Mondo).

Con Snowboardcross e Parallelo abbiamo vinto due Coppe del Mondo (March Aaron nel PSL, Italia 1 (Omar Visintin-Emanuel Perathoner-Luca Matteotti) nel SBX Team Event maschile) e un bronzo mondiale con Michela Moioli che ha rappresenta ora una garanzia assoluta salendo sul podio in quasi tutte le gare disputate. La Coppa del Mondo a Squadre è la testimonianza della forza del movimento e del lavoro del gruppo.

Nello Slopestyle/Big Air gli investimenti fatti hanno dato i loro frutti, la strada da percorrere è ancora lunga ma i risultati di Davide Boggio e il livello raggiunto dai ragazzi hanno dato la consapevolezza necessaria per fare un ulteriore salto di qualità. Lo sport necessita di impegno, sacrificio, studio e passione, sono regole di vita che ora fanno parte delle nostre squadre e che rappresentano un esempio e un punto di riferimento per le giovani generazioni.

Qui sotto il video di Davide Boggio nominato Best Rookie FISI 2016/2017

Qual è stato il momento più difficile e quale il più soddisfacente della stagione?
Il momento più difficile è stato il Mondiale di Sierra Nevada dove avremmo potuto ottenere più di una medaglia, il più soddisfacente è stato rappresentato dale due Coppe del Mondo e dalla crescita dei ragazzi del Freestyle Snowboard.

Gli obiettivi che vi eravate posti sono stati raggiunti o secondo te si poteva fare qualcosa di più?
Si poteva fare di più, ai Campionati Mondiali di Sierra Nevada dove non abbiamo saputo adattarci alle strutture e alle piste tenute in piedi grazie solo ai solfati a causa delle temperature “africane” riscontrate nel sud della Spagna a fine marzo.

Ora quali sono i programmi nel breve periodo?
Nel breve periodo dobbiamo riunirci con i vari staff tecnici per settare al meglio la macchina organizzativa e la programmazione in funzione Olimpica.

Forse è presto per parlare della prossima stagione ma te lo chiediamo lo stesso… avete già qualche novità in serbo? In ogni caso ci risentiremo più avanti! 😉
La prossima è una stagione Olimpica incrementeremo la qualità dei lavori sia dal punto di vista tecnico che soprattutto fisico, mentale ed acrobatico. Grazie alla collaborazione con il CONI metteremo  a disposizione dei nostri atleti tutto quello che può servire per permettere loro di esprimersi ai massimi livello.

I risultati sono stati ottenuti grazie soprattutto alla competenza, alla passione e alla dedizione degli allenatori che  fanno parte della nostra squadra e in particolare per quanto riguarda i responsabili dei settori snowboard: Meinhard Erlacher, Rudi Galli, Luca e Stefano Pozzolini, Filippo Kratter Aie Benussi e Marco Mazzonelli. Tutti amano in maniera viscerale lo snowboard e non esitano mai a sacrificare il proprio tempo o i propri affetti per dedicarsi alla squadra.


Mazzonelli, Benussi e Kratter

Per restare aggiornati, seguite il sito www.fisi.org/snowboard

Potrebbe interessarti anche

Commenti