Consigli Generali per la Pratica dello Snowboard

06/06/2017

Una breve introduzione con alcune utili informazioni per tutti quelli che vogliono avvicinarsi alla pratica dello snowboard. Nonostante i primi approcci possano essere un po’ dolorosi e faticosi, non arrendetevi e tenete duro: le emozioni che proverete una volta acquisita una minima padronanza vi ripagheranno ampiamente. Dallo snowboard non si torna indietro…

I club di snowboard
In tutte le maggiori città italiane esistono club di snowboard. Sono molto importanti perché rappresentano un grande strumento di aggregazione sociale e di promozione di questo sport. Generalmente organizzano uscite in pullman, gestiscono snowpark, organizzano gare: sono nel vero senso della parola il cuore dello snowboard e questo vale in Italia quanto all’estero. Per avere informazioni sul club più vicino a casa vostra recatevi in un negozio specializzato, che saprà sicuramente darvi indicazioni in merito, oppure visitate il sito della Federazione Snowboard Italia www.fsi.it su cui troverete il data base di tutti i club italiani completo di mail, home page, nomi e recapiti telefonici di tutti i responsabili: non esitate a contattarli perché sono sempre disponibili e non vedono l’ora di trasmettere la loro passione a più gente possibile.

Coppa del Mondo sull’Alpe di Siusi

Scuole di snowboard
Ogni stazione sciistica ha scuole di snowboard o maestri specializzati. Vi consigliamo vivamente di investire qualche soldo in un corso di avviamento con un maestro. Tutti gli autodidatti assumono inevitabilmente dei difetti tecnici difficili da correggere, non apprendono in tempi celeri e tendono a farsi “più male” del necessario.

Il supporto di un maestro di snowboard è fondamentale per avvicinarsi nel giusto modo a questa disciplina sportiva: una volta assimilate le tecniche base, migliorerete con una velocità di apprendimento elevata. Non lasciatevi intimidire dalle prime (e numerose) cadute: in una sola stagione è possibile raggiungere un buon livello che vi permetterà di scendere praticamente su tutte le piste iniziando anche a tentare qualche salto.

Alcuni consigli alimentari
L’attività motoria in alta quota ed a basse temperature porterà il vostro fisico a bruciare rapidamente le energie. Si è stimato un consumo calorico di circa 2.500 calorie per 6 ore di snowboard il che equivale a raddoppiare il fabbisogno energetico di una giornata sedentaria.

– fate una colazione abbondante ricca di proteine e carboidrati
– bevete spesso acqua con eventuali integratori di sali minerali durante la giornata
– a pranzo preferite un pasto leggero con proteine e verdure, accompagnate da un po’ di pane
– evitate l’abuso di alcolici: oltre a peggiorare le vostre prestazioni ed aumentare il rischio di infortunio, sono dei vaso dilatatori e avranno l’effetto di far aumentare la dispersione di calore del vostro corpo
– la sera vi consigliamo un cena completa con carboidrati, proteine e verdure. Antiossidanti sono consigliati (vino rosso!).

Preparazione atletica
Lo snowboard è uno sport tecnico, estremamente faticoso e richiede una certa preparazione fisica. Le principali sollecitazioni coinvolgono i muscoli delle gambe (fra cui anche il dimenticato tibiale per la flessione del piede), muscoli della zona lombare ed addominali. Questi aspetti saranno ancora più evidenti durante i primi approcci e diminuiranno gradualmente.
La classica preparazione presciistica potrebbe essere insufficiente poiché lo snowboard non è uno sport “frontale” come lo sci. La preparazione ideale è quella della ginnastica pre-acrobatica, che oltre al potenziamento di potenza e resistenza, vi fornirà notevoli benefici in termini di equilibrio e coordinazione motoria, requisiti fondamentali per poter migliorare.

Inoltre è consigliabile aumentare notevolmente la propria resistenza alla fatica, cioè riuscire a prolungare la propria performance più a lungo nel tempo. Per ottenere questi risultati corsa, nuoto e bici sono gli sport più indicati.
La stagione invernale inizia verso ottobre quando aprono i primi ghiacciai e si prolunga fino a maggio. Iniziate la preparazione a settembre e proseguitela fino alla metà di novembre con 2 o 3 allenamenti settimanali, dopodiché concedetevi un periodo di “scarico” per arrivare nel vivo della stagione in perfetta forma.

Manutenzione tavola
Vi consigliamo di sciolinare spesso la soletta della tavola: almeno ogni 3-4 giorni di utilizzo. Questo manterrà intatte le caratteristiche di scorrevolezza della soletta e contribuirà ad aumentare la vita media dell’attrezzatura. E’ sufficiente un vecchio ferro da stiro, una sciolina universale ed una spatola: chiunque è in grado di sciolinare da solo una tavola. Invece per la riparazione dei danni della soletta dovuti a sassi e per “fare le lamine” consigliamo di rivolgersi ad un centro specializzato perché da soli e senza le attrezzature specifiche si rischia di fare ancora più danni: generalmente i negozi specializzati hanno anche il servizio di riparazione e manutenzione tavola o sapranno comunque indicarvi un laboratorio vicino a casa.

Accorgimenti per l’alta montagna Ricordate sempre creme solari ad alto coefficiente di protezione (15 o superiore) ed occhiali o mascherine con lenti scure. A 2.000 metri di quota gli effetti del sole sulla pelle e sugli occhi sono più forti che in pianura e potreste trovarvi con fastidiose scottature sul viso e bruciori agli occhi (soprattutto per individui biondi e con occhi chiari).

Abbiate l’accortezza di avere sempre con voi una bottiglietta d’acqua: ha causa del freddo non sentirete subito il bisogno di acqua e non vi accorgerete facilmente della perdita di sali minerali. Quindi bevete frequentemente per evitare gli effetti della disidratazione.

Potrebbe interessarti anche

Commenti

edicola digitale