Daniele Guzzone vince il Contest de la Madonna

Tra i grommets trionfa il giovane Matt Proluzzi. Online foto e report del contest surfskate svoltosi alla Cutback Bamboo di Tarquinia

11/12/2016
scritto da Michele Cicoria

Una giornata di sole e clima insolitamente mite ha fatto da splendida cornice al contest organizzato dai Porn Boyz del gruppo Carver Skate Roma. Già dal primo mattino lo spot al centro sportivo La Lanterna è stato preso d’assalto dai tanti riders accorsi da diverse zone del Lazio, ognuno intento ad allenarsi sull’onda per prendere confidenza, visto che per molti è stata la prima volta con un surfskate su una struttura realizzata appositamente per il surf training. La Cutback Bamboo si trova in località San Giorgio (Tarquinia), a pochi km da molti spot di qualità tra viterbese e romano ed è una soluzione ottimale per replicare i surf trick nelle giornate di piatta. Il grip dell’onda realizzata in compensato marino non è niente male e consente di provare ogni tipo di turns, offrendo il giusto compromesso per far slidare le ruote (in mare corrisponderebbe al classico ventaglio d’acqua), mentre il bottom in discesa offre la possibilità di caricare al meglio la manovra. 

Dopo la fase d’iscrizione ottimizzata da Gino e Tiziana (gestori della struttura) e un po’ di free surfskate per tutti arriva il momento della gara: la giuria, capitanata da Valeria Patriarca e affiancata da Alessio Fantozzi (Banzai surfschool), Tiziano Trebbi (istruttore Blue Wave surfschool ed esperto surfskater) e Michele Cicoria (caporedattore 4surf) ha dato il via alla gara, studiata con format a batterie come nei surf contest, in cui vengono valutate le due migliori onde su un totale di tre surfabili (ogni onda dura 30 secondi, ma se si cade o mette il piede a terra stop, come nei veri wipeout). Grazie al supporto dell’organizzazione di Francesco Apostolico (ottimo speaker, specie dopo la quarta birra) e Giorgio Luchetti (fotografo e grafico geniale, è sua la locandina dell’evento) il contest scorre fluido come la birra che viene dispensata a fiumi dal minibar proprio davanti all’onda. 

Non manca nulla in questa splendida manifestazione: presenti all’evento anche gli amici osteopati di O.EX.P. (osteopathy extreme professionist) capitanati da Fabrizio Simonacci (autore anche di molti scatti di questa gallery), team di Osteopati e Fisioterapisti pronti ad offrire la loro esperienza agli atleti (professionisti e amatoriali). Per scoprire qualcosa di più su questo progetto leggi QUESTO ARTICOLO.
Molti i presenti che si sono sdraiati sui due lettini di O.EX.P. per provare gratuitamente l’osteopatia volta ad ottimizzarne la performance e migliorare l’equilibrio fisico.

Dopo il primo round Open e Grommets arriva la tanto attesa grigliata con super panini alla salsiccia (e vegani volendo) accompagnati da birra e vino locali. Sazia e appagata la giuria è tornata al lavoro per le fasi finali del contest: le ore di luce a dicembre non sono molte ed obbligatorio concludere tutto entro le 16:00. Fortunatamente l’onda è sempre rimasta glassy…permettendo un perfetto svolgimento delle batterie: la finale Junior vede la sfida tra i giovanissimi Matt Proluzzi, Matteo Beretta e Noferini Davide, mentre Simone Falsarone (più grande e con un livello da testa di serie open) viene fatto passare nella categoria adulti. 
A vincere il contest è il promettente Proluzzi dietro un giovanissimo Beretta (8 anni), che ha dimostrato ottime linee.

Molto difficile la scelta dei vincitori tra gli open dove ad affiancare i famosi Geraci, Gentili e Guzzone, ci sono nomi nuovi più o meno giovani come Conte, Manzo e Corsini, insieme ad altri rider molto forti che purtroppo sono usciti nelle heat precedenti. Dopo una finale con batteria da quattro rider la giuria consegna il titolo di vincitore del Contest de la Madonna a Daniele Guzzone, che ha la meglio sugl’altri grazie al suo power surfing. 
Menzione speciale per il giovane Simone Falsarone, che dopo aver dimostrato un livello da grandi, passando alla categoria superiore si è fatto notare anche tra gli open.
Ringraziamo tutta l’organizzazione per la splendida giornata in compagnia e vi invitiamo a seguire le prossime news su 4surf riguardanti il surfskate. Questa nuova disciplina sta crescendo e può davvero migliorare il surf di tutti, se applicata con il giusto criterio d’insegnamento in strutture studiate per il surftraining come Cutbcak Bamboo, Whitezu o Wood Wave. Stay tuned!

Ecco la classifica finale del Contest de la Madonna:

JUNIOR

1) Matt Proluzzi
2) Matteo Beretta
3) Davide Noferini

OPEN

1) Daniele Guzzone
2) Francesco Gentili
3) Tommaso Geraci
4) Edoardo Manzo
5) Marco Conte
6) Alessandro Corsini

Potrebbe interessarti anche

Commenti