Dove sciare, Pila

Fra i posti più comodi da raggiungere da Milano e Torino ai primi posti c’è sempre Pila e immancabilmente almeno una volta a stagione, io ci vado

09/02/2018
scritto da Marco Melloni

Il quizzone che lanciano tutti prima di un weekend invernale o prima di organizzare qualche giorno sugli sci o lo snowboard è, dove andiamo a sciare?

La domanda è frutto di un sacco di variabili fondamentali da considerare, tipo:

  • I miei amici vanno in quella stazione sciistica perché hanno la casa ma a me non fa impazzire
  • Quel resort è meglio di un altro per la quantità di piste
  • In quella località le piste sono tenute malissimo
  • In quell’altra ci vuole una vita ad arrivare ed è facile trovare coda al ritorno

La risposta, a meno di vincoli estremi, (tipo dover portare la suocera nel resort dove ha la casa, l’unico a 400 Km con due seggiovie monoposto e tre piste baby) dovrebbe basarsi sulla ponderazione del voto che diamo ad ogni singola voce:

  • Raggiungibilità
  • Quantità di piste
  • Qualità della manutenzione piste
  • Qualità/quantità dei servizi: primo gli impianti, secondo la ristorazione 🙂
  • Presenza di un park (per gli appassionati del genere)
  • Presenza di tracciati non battuti (per gli appassionati del genere)

Ebbene, analizzata scientificamente la scaletta dei punti, io MOLTO spesso, apro la mappa e piazzo il dito indice su:

Pila – Valle d’Aosta

Carico la Tesla a guida autonoma, imposto il navigatore e so che dopo un tot di autostrada dritta da Milano e una decina di curvoni in tutto, arrivo al parcheggio di Aosta da dove parte la cabinovia, pronto per svegliarmi e bere un caffè.

Gli Appuntamenti fissi

Come tutti, appena arrivato in quota al Gorraz, corro a prendere la Chamolé, seggiovia che fa guadagnare rapidamente altra quota. Arrivato a destinazione, non ci sono scuse: faccio la prima pista Du Bois (Renato Rosa). Qui anche con gli sci da freeride e lo zaino con Airbag, con quelle reti di sicurezza e quel fondo perfettamente battuto mi sento davvero un gigantista di Coppa del Mondo.

Questo primo appuntamento già mi mette di buon umore. Ora sono pronto per spostarmi verso la Gorraz o la Alpage.

Di solito resto in questa zona fino all’ora di pranzo, che per me non è oltre le 13.00, così me la cavo in fretta e senza code (voi potete continuare a sgomitare alle 14.00).

Le possibilità a questo punto sono molteplici, ai primi posti:

Qui non si mangia bene, si mangia stra-bene, addirittura alla Société ci potete andare anche la sera, portati con il gatto delle nevi.

Fate una sorpresa a vostra moglie, dai!

Ok, dopo pranzo sono di nuovo carico come una molla. Ora il sole abbraccia tutto il comprensorio, è il momento di puntare alto.

Il primo obiettivo è portarsi in cima alla Cuis 2, da dove scende una pista bellissima, con un attacco leggermente ripido, o, se le condizioni sono ideali, si può restare sulla sinistra e fare un po’ fresca. I Gasex sulla cima del pendio bonificano lo stesso, va da sé che però bisogna portarsi sempre appresso: Artva, Pala, Sonda e magari anche lo zaino con l’airbag, e sicuramente non andarci da soli.

Una volta spuntato dalla cecklist il Cuis 2, mi faccio un giro sul Cuis 1. Qui siamo nel punto più alto, oltre 2.700 m. La vista spazia dal Cervino, al Gran Paradiso, al Grand Combin al Monte Bianco, fin giù a Cogne. Insomma 360° e anche qualcosa di più.

Dalla cima del Cuis 1 posso scegliere fra la pista 9 (rossa) o le 8 e 27 (nere). Qui c’è anche qualche variane fuoripista.

Il Park

Per concludere mi faccio due manovre nel park. Scherzo, il park vado solo a guardarlo e a vedere le evoluzioni degli altri.

L’area effe, così si chiama, vale però sempre una visita, è uno dei park più belli della alpi, ma di questo ve ne parlo alla prossima puntata.

Vi ho dato qualche spunto per godervi una giornata a Pila, le possibilità di scelta però sono molto più ampie, il resort offre davvero di tutto.

La prossima volta che partirà il Quizzone: Dove vado a sciare potete sempre… seguire vostra suocera 🙂

Guarda la nostra scheda Snowpark

Guarda il meteo per questo weekend

 

Pila website

Guarda la località in 3D

Potrebbe interessarti anche

Commenti