Gita scolastica Galizia, un surfcamp per 80 alunni

Dopo il successo della gita in Cantabria il professore Fabrizio Inghlieri si ripete: meta di quest’anno scolastico la Galizia con un surf trip in due tranche con 80 alunni

28/05/2019
scritto da Redazione 4Surf

Idea e testo: Prof. Fabrizio Inghlieri
Una gita d’istruzione alla scoperta del surf e della natura selvaggia sull’estremo occidente d’Europa: dopo il grande successo del viaggio a Somo del 2017 (clicca qui per leggere l’articolo) il professor Inghlieri dell’IIS Giorgi di Milano quest’anno ha portato i suoi alunni in Galizia!
L’idea di Fabrizio Inghlieri, professore di educazione fisica nonché appassionato surfista, è stata accolta con entusiasmo da moltissimi ragazzi del triennio superiore ed hanno partecipato al surf camp 80 alunni di età dai 17 anni in su. Il report di questa avventura unica nel suo genere in Italia.

VIAGGIO AL TERMINE DELLA TERRA.
La Galizia è il far west d’Europa, l’estremo ovest, il luogo che un tempo era considerato il limite del mondo conosciuto. E’ qui che l’immenso fisico e matematico Stephen Hawking ha richiesto l’aspersione delle sue ceneri: lo scienziato ha dato l’ultimo saluto all’umanità da queste falesie a strapiombo sull’Oceano Atlantico che hanno rappresentato per secoli un punto di vista privilegiato verso l’ignoto…
Da Milano si atterra a Santiago in poco più di due ore. La costa è vicina, la strada attraversa luoghi selvaggi ed impervi, le foreste di sempreverdi marittimi si alternano a crinali rocciosi: in meno di due ore si arriva a Carballo e a Razo dov’è situata la scuola Art&surf house.

La location è strategica, a 50 metri dalla spiaggia, ci sono alcuni beach break che si susseguono fino ad un promontorio roccioso al di là del quale c’è uno spot riservato ai più esperti.
Nella casa il surf è ovviamente l’attività principale, ma ci sono altri divertimenti a portata di mano: parete da boulder con passaggio traverso, slack line, campetto da calcetto (molto piccolo in realtà), un’onda di legno per il surfskate. Il territorio circostante si presta per esperienze di downhill con il longboard skate (fuori stagione c’è assenza quasi totale di traffico) e per finire anche un giardino con sdraio dove rilassarsi prendendo il sole!

Se la vostra anima non è ancora pienamente soddisfatta, potete cercare di curare lo spirito con una visita a Santiago de Compostela: luogo storicamente celebre per il Cammino che i pellegrini, provenienti da ogni parte del pianeta, affrontano a piedi. Per il benessere spirituale basta anche un semplice drop dell’onda giusta…
Il viaggio nasce dall’esigenza di insegnare agli allievi a vivere in simbiosi con l’ambiente naturale marino, in totale sicurezza i ragazzi si confrontano con i propri limiti e con quelli imposti dalla natura. La sfida è tutta personale ma l’emozione di surfare si condivide con tutto il gruppo. Gli aspetti educativi di questo particolare viaggio d’istruzione sono molteplici: il Surf è ecologico, invita a rispettare l’ambiente marino da cui è nata la vita, promuove la socialità e, inoltre, fa bene alla salute.

I ragazzi al termine di questa avventura sono tornati soddisfatti e contenti di aver affrontato il mare come mai era capitato loro, coscienti delle difficoltà superate e pronti a ripartire per una nuova avventura.

Si ringrazia surfcamp.it per l’organizzazione del viaggio.

 

        

Potrebbe interessarti anche

Commenti