Milivinti, sua la Coppa Italia Enduro

29/10/2016
scritto da Nome Cognome

É stato il valtellinese Marco Milivinti dell’Asd Gb Rifar Mondraker, ad alzare al cielo la Coppa Italia 2016 di Enduro MTB, assegnata domenica 23 ottobre sui sentieri del Parco di Portofino.

Milivinti ha regolato la concorrenza del vercellese Matteo Raimondi del Team Locca e del novarese Davide Sottocornola della Cicobikes-Dsb-NonSoloFango. Giovanni D’Aroma del Bike Garage Revolution, quarto classificato nella assoluta, si è aggiudicato il titolo di campione regionale di enduro nella categoria OPEN MASCHILE (quale primo ligure classificato). Simone Martinelli della Cicobikes è arrivato primo fra gli Juniores; Laura Rossin del Bike Garage Revolution ha vinto la classifica femminile ed anche lei, campionessa regionale nella categoria Open femminile; Andrea Vignone del Rivieraoutdoor primo nella categoria Elite Sport; fra i Master, successi di Andrea Toniati della Cicobikes (Master 1-2), Alessandro Gennesi della Asd Freeride Tigullio di Chiavari (Master 3-4) e Patrick Bonifay, atleta francese del Massilia Bike System (Master 5 e Over); Rachele Riolfo prima fra le Master donna. Tre i vincitori della Coppa Italia giovanile: Mathilde Barthelemy del Team Massilia Bike System nel femminile, Simone Pellissero dell’Ancillotti Factory Team per gli Allievi, Dario Benini del Team MTB Benini Novara per gli Esordienti.

Il vincitore della Coppa Italia Marco Milivinti (foto Francesco Bartoli/organizzatori) Il vincitore della Coppa Italia Marco Milivinti (foto Francesco Bartoli/organizzatori)

Alla gara nazionale di Enduro, tenutasi a Santa Margherita Ligure a cura dell’Asd Portofino Bike, appartenente al circuito di Coppa Italia Enduro in prova unica con, inoltre, assegnazione del titolo ligure 2016 di disciplina, il numero di iscritti aveva superato i 200. Ma il maltempo della settimana precedente e le avverse previsioni per il giorno della gara hanno scoraggiato parte dei partecipanti. Alla partenza, suddivisi nelle varie categorie, si sono presentati in 150. Una gara dall’alto contenuto tecnico “vivacizzata” dal maltempo che ha costretto i corridori agli straordinari tra le piste infangate.

«Numeri, ad ogni modo, molto importanti – spiega Simone Brescia, presidente dell’Asd Portofino Bike – Abbiamo lavorato insieme a molti bikers della zona, per quasi dieci giorni, senza sosta, 12 ore al giorno per rendere agibili i sentieri del parco interessati dalla corsa. Ringraziamo ancora tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione dell’evento, a partire dai nostri sponsor: Carbobike, Appari Moto, Autoscuola Legnani, Bruno Basso Logistica, Copertone Assistance, Ditta Minaglia, Trattoria Baicin, Gelateria Centrale, Gio&Rino Beach, Tassara Edilizia, Tiles Expert, Floricoltura Pagano, Oreficeria Priolo, Elite Transport, Olivari Movimenti Terra, Autofficiana Lombardi, Sandrelli Assicurazioni, Marco Ivaldi agente di zona Sika. Un grazie al comitato Festa della Primavera che ha organizzato il “pasta-party” per i partecipanti, grazie ai volontari di Vab Gruppo Lupo, Vab Camogli, bikers della Protezione Civile, Croce Rossa, Soccorso Alpino, Federazione Cronometristi e molti altri».

L’impegno dei ragazzi dell’Asd Portofino Bike verso il Monte di Portofino è salito all’attenzione di alcuni media da cui sono stati ribattezzati “Angeli del Parco”. E il loro impegno sui sentieri del Parco non si esaurisce con il termine della gara: «Ci sono ancora tanti sentieri chiusi o danneggiati pesantemente dal maltempo che ha colpito una parte della Liguria a metà ottobre – ricorda Brescia – C’è bisogno dell’aiuto di tutti e della collaborazione di tutti gli enti coinvolti nel Parco di Portofino».

Dal punto di vista organizzativo il prossimo evento in programma a cura dell’Asd Portofino Bike sarà la tappa conclusiva del nuovo circuito “Enduro Winter Trophy” in programma il prossimo 26 febbraio.

Comunicato stampa

Potrebbe interessarti anche

Commenti