Novità Snowboard 2019 dalla Fiera ISPO

Abbiamo fatto un giro ad ISPO per toccare con mano le novità Snowboard della prossima stagione, ecco come è andata

05/02/2018
scritto da Marco Melloni

Tornati dalla fiera di Monaco, ISPO, il più grande salone europeo del prodotto sportivo per la neve e l’outdoor, il nostro bilancio per lo snowboard è: pochi ma buoni.

Certo non sono più i tempi in cui 4 padiglioni erano dedicati ai tavolari ma probabilmente la dimensione attuale ricalca meglio quella di un mercato maturo, come è oggi quello dello snowboard.

Pochi ma buoni quindi

Sono rimasti sulla scena i brand storici e quelli che hanno saputo gestire al meglio le richieste del mercato, alcuni di questi per scelta, hanno deciso di non esporre.

Fra i brand che ci hanno colpiti spiccano:

Capita Snowboards

Ebbene si, anche Capita che da sempre è un marchio freestyle oriented, ha presentato la sua Tavola Split (dopo i modelli spit ready delle passate stagioni), con tanto di accessoristica proprietaria. Gli attacchi sono prodotti da Union, marchio che fa parte del gruppo e sono disponibili anche le pelli e i bastoni di un marchio terzo.

Sempre in Capita ritroviamo allargata la famiglia di tavole Spring Break, con cui la Powder Glider si porta a casa un ISPO Award.

Union Binding

Non si può dire che sia un marchio storico nella produzione di attacchi, ma da quando è nato qualche anno fa è diventato uno dei top. Se essere sponsor di Travis Rice vi sembra poco!

Ma c’è di più, nonostante l’immagine sia assolutamente made in USA, gli attacchi sono progettati e realizzati in Italia, sul lago di Como. In Union, sempre innovativi per materiali e design, presentano per la prossima stagione attacchi con spoiler realizzati in Carbonio, ma non il Carbonio che usano tutti gli altri, bensì una tecnologia che utilizzano solo in McLaren e Lamborghini Automobili.

Assoluta novità sono anche le basi attacco integrate nel Pad, proprio così, ora il pad avvolge la base a 360°, per una ammortizzazione senza precedenti.

Nuovi anche il sistema di regolazione degli spoiler, finalmente- realmente senza attrezzi e i sistemi di regolazione della lunghezza degli strap, con rapidissimi e sicurissimi Pin.

Nitro Snowboards

Altro marchio storico europeo con l’appeal degli USA. Sempre più ampia la selezione di shape non-convenzionali, ma le grandi novità forse riguardano una sempre più concreta collaborazione con Vibram. La tecnologia Arctic Grip (grandissimo grip su ghiaccio bagnati) infatti viene adottata da alcuni scarponi, mentre inserti in Vibram vengono usati per le strap delle dita.

Rifanno la loro comparsa, aggiornati gli attacchi Step-In Clicker. Sarà la volta buona?

Jones Snowboards

Quest’anno jeremy in persona era sempre presente nel suo stand, non si può dire che non ci metta la faccia. Un Brand che a detta dei negozianti si distingue per serietà nelle politiche commerciali. I prodotti parlano da soli, veramente Top.

32 – Thirty Two

E’ un marchio che ai freestyler piace dall’alba dei tempi e negli anni ha conservato il fascino e le qualità delle origini. L’occhio ci è caduto sui due pro Model per Jeremy Jones, di cui uno con suola da alpinismo ramponabile in Vibram e ghetta integrata e l’altro un po’ più rilassato. Poi il Pro Model Nicolas Muller con lacci tradizionali.

K2 Snowboarding

Il brand americano dopo qualche vicissitudine di tipo Societario sembra tornato più determinato che mai con una bella gamma di shape moderni, proponendo anch’esso il sistema Step-In Clicker.

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti

edicola digitale