Patagonia: riscrive la propria filosofia di business

14/09/2016
scritto da Valentina Bonfanti

Dalla prima pubblicazione del volume Let My People go Surfing, Patagonia ha conosciuto una cospicua crescita come azienda, con un fatturato annuo che oggi sfiora il miliardo di dollari. Come sottolinea l’autore, un simile successo scaturisce dalla mission su cui fonda le proprie basi l’azienda californiana: realizzare il prodotto migliore, non causare danni inutili, utilizzare il business per ispirare e implementare soluzioni per la crisi ambientale.

In un capitolo completamente riscritto e dedicato alla propria filosofia ambientalista, Chouinard esprime profonde preoccupazioni per il futuro del nostro pianeta, minacciato dai cambiamenti climatici e da molti altri rischi che minano l’equilibrio del mondo naturale. E, in risposta a queste nuove minacce, aggiunge un elemento inedito al proprio modo di considerare il business responsabile: fare bene.

patagonia

Secondo Chouinard, infatti, nel prendere decisioni imprenditoriali in vista di un successo a lungo termine, Patagonia, così come altre aziende responsabili, deve considerare non solo la bottom line, ma anche la cosa giusta da fare. Non basta più cercare semplicemente di limitare i danni all’ambiente: Chouinard ci parla di una nuova visione dell’agricoltura come parte integrante della soluzione, con l’adozione di pratiche pensate per ridurre le emissioni di CO² nell’atmosfera e per ripristinare la salute del suolo, entrambi elementi vitali per il nostro pianeta.

Patagonia ha così iniziato ad investire massicciamente nell’agricoltura rigenerativa, sia per supportare i professionisti all’avanguardia in questo movimento che per l’approvvigionamento di cibo e fibre naturali, secondo modalità che stanno concretamente dando i primi segnali di un’inversione di tendenza rispetto ai danni causati dall’uomo al pianeta. Come scrive Chouinard “Tutto il lavoro che facciamo a Patagonia per essere un’azienda più responsabile non serve a niente se non possiamo essere parte della soluzione al problema”.

Come si legge nella nuova prefazione di Naomi Klein a Let My People Go Surfing “Questo è il racconto di un tentativo che va oltre il cambiamento di una singola azienda: è il tentativo di sfidare la cultura consumistica che sta al centro della crisi economica globale”.

La nuova edizione di Let My People Go Surfing sarà disponibile in lingua inglese da metà ottobre sul sito Patagonia.com.

Ascolta la prefazione letta da Chouinar qui

Potrebbe interessarti anche

Commenti