Pioggia di gare e di titoli stranieri

17/07/2014
scritto da Redazione 4Mtbike

In attesa della rassegna tricolore di Gorizia, molti altri Paesi nell’ultimo fine settimana hanno assegnato i propri titoli nazionali. In Russia il titolo Eliminator è andato ad Anton Gogolev davanti a Anton Stepanov ed Evgenii Pechenin; fra le donne prima Elvira Khayrullina su Elena Gogoleva e Anna Konovalova. Nel cross country primo “l’italiano” Anton Sintsov della Titici Lgl, in 1h34’59” con 2’01” su Timofei Ivanov e 2’23” su Maxim Gogolev. Titolo femminile all’eterna Irina Kalentieva, in 1h37’43”, a 1’0” Ekaterina Anoshina e a 2’25” Anna Konovalova.

Doppia specialità anche in Ucraina: nell’XC primo Oleksandr Gerashchenko in 1h46’44” con 2’17” su Sergji Rysenko e 2’43” su Dmytro Titarenko; fra le donne prima la vecchia conoscenza italiana Yana Belomoyna in 1h33’14” con 2’31” su Nataliia Krompets e 4’31” su Iryna Popova. I podi dell’Eliminator: quello maschile comprende Oleksiy Zavolokin, Vitali Zubchenko e Tymur Rusiia, quello femminile Iryna Popova, Nataliia Krompets e Anastasiya Goda.

In Olanda primo Michiel Van Der Heijden in 1h40’18”, a 5” Niels Wubben e a 1’30” Hans Becking; prima donna Anne Terpstra in 1h35’23” con 1’38” su Annemarie Worst e 2’29” su Laura Turpijn.

Non sfugge a David Joao Serralheiro Rosa il titolo del Portogallo, in 1h48’19” su Mario Luis Miranda Costa a 49” e Ricardo Paulo Reis Marinheiro a 2’12”. Joana Barbosa è la nuova campionessa nazionale con 1h44’46” davanti a Celina Carpinteiro a 1’33” e Ana Rita Barros Miranda Vale a 7’50”.

Tanti i Paesi impegnati nelle prove nazionali downhill: in Austria successo per Markus Pekoll in 4’10”605 su Boris Tetzlaff a 1”584 e David Trummer a 8”172; fra le donne prima Elke Rabeder in 5’21”468, a 24”612 Birgit Braumann e a 38”609 Kathrin Wutte.

Gara unica per il Benelux in Belgio vinta dal padrone di casa Robin Van Goubergen in 2’04”78, con 1”31 su Dave Goris e 1”93 su Nicolas Mathieu; primo olandese Leo Combee a 4”28, primo lussemburghese Chris Jones a 19”39. In campo femminile la migliore è stata l’olandese Eline Nijhuis in 2’40”82 con 31”65 sulla belga Kristien Nelen e 54”08 su Kiona Harbers.

Al detentore della Coppa del Mondo Steve Smith non è sfuggito il titolo nazionale del Canada: in 3’26”73 ha preceduto di 1”54 Kyle Sangers e di 2”53 Remi Gauvin. Con lui sul gradino più alto del podio Vaea Verbeeck in 3’56”00, davanti a Casey Brown a 2”12 e Jaime Hill a 14”86.

Il podio canadese con il campione Smith; in alto, Nino Schurter primo a Lenzerheide (foto organizzatori) Il podio canadese con il campione Smith; in alto, Nino Schurter primo a Lenzerheide (foto organizzatori)

A Hong Kong primo uomo Shu Sum Lau in 1’18”249, con Chi Shing Li a 1”059 e Kim Fung Sep a 7”480.

Le altre prove: la principale e più attesa era la sesta tappa della Bmc Racing Cup a Lenzerheide in Svizzera dove l’iridato Nino Schurter ha preso le misure per le prossime prove americane di Coppa del Mondo precedendo in 1h29’23” il connazionale Mathias Fluckinger in volata ma soprattutto il leader di Coppa, il francese Julien Absalon a 14”. Primo italiano Cristian Cominelli, 26° a 9’57” davanti a Lorenzo Samparisi e Stefano Valdrighi. Gara femminile a Jolanda Neff in 1h33’23” con la norvegese Gunn-Rita Dahle Flesjaa a 58” e l’austriaca Elisabeth Osl a 2’45”. 18esima piazza per Emilie Collomb.

Quarta tappa delle British XC Series a Sherwood Pines in Gran Bretagna e vittoria per Grant Ferguson in 1h52’32” davanti ai belgi Jonas De Backer a 40” e Didier Bats a 1’00”. Rivincita belga fra le donne con Githa Michiels in 1h34’52”, a 54” Annie Last e a 1’40” Alice Barnes.

Terzo appuntamento per la Bundesliga in Germania, a Schopp con la Wheelsport Race, andata a Markus Bauer in 1h25’39” davanti al belga Sebastien Carabin a 7” e all’altro tedesco Markus Schulte-Luenzum a 26”. Adelheit Morath in 1h27’56” si è aggiudicata la prova femminile con 1’41” sulla svedese Alexandra Engen e 4’00” sulla connazionale Nina Wrobel. Nell’Eliminator primo Smos Stjebiahn davanti a Sascha Weber e Marco Schatzing, podio femminile con l’iridata Engen e le tedesche Lena Wehrle e Kim Riesterer.

Mtb Cup a Stara Planina per la Serbia e vittoria casalinga con Bojan Durdic, primo in 1h34’34” con 7’36” sul greco Dimitrios Antoniadis e 7’44” sul croato Filip Turk; scontata vittoria fra le donne per Jovana Crnogorac in 1h30’40” davanti a Ivana Kostic e Jovana Vukovic.

GP del Montenegro a Bijelo Polje e successo per Demir Mulic in 1h51’28” con 3’13” sul serbo Aleksa Maric e 4’08” su Goran Cerovic.

In Finlandia il Teivo XCO di Pirkanmaa premia il favorito Jukka Vastaranta in 1h42’58” con 1’10” sul lettone Matiss Preimanis e 3’02” su Toni Tahti. Gara donne a Noora Kanerva in 1h29’46” con 2’59” sull’estone giramondo Maaris Meier e 4’56” su Jasmin Kansikas.

Negli Usa Subaru Cup a Portage nel Wisconsin che conferma l’ottimo stato di forma del 39enne Todd Wells, primo in 1h46’12” con 27” su Stephen Ettinger e 3’55” su Brian Matter; gara donne a Evelyn Dong in 1h36’07”, a 1’38” Erin Huck e a 3’54” Megan Carrington.

Terza tappa per la Canada Cup al Walden Ski Club di Sudbury dove a vincere è stato Derek Zandstra in 1h42’34” con 18” su Cameron Jette e 1’20” su Evan McNeely; prima anche Emily Batty in 1h41’00”, alle sue spalle Sandra Walter a 1’31” e Mikaela Kofman a 3’55”.

Quarta prova per la Copa Chile a Petorca: nell’XC primo Patricio Farias Diaz in 1h30’05” su Patricio Andres Campbell Vilches a 1’18” e Sebastian Alejandro Miranda Maldonado a 2’33”; Fernanda Castro è la prima donna in 1h19’12”, a 3’37” Carla Ewert e a 8’21” Catalia Paz Fuentes Correa. Nella downhill successo di Pedro Antonio Ferreira Landskran in 2’20”72, a 6”62 Francisco Matias e a 8”71 l’argentino Santiago De Santiago; gara femminile ad Andrea Farias Martinez in 2’56”52 con 9”42 sull’argentina Camila Nogueira e 40”79 su Andrea Paz Anjari Bascunan.

Torniamo alla downhill e alla terza prova dell’Ixs German a Bad Wildbad vinta da Jasper Jauch in 3’08”57 con 1”29 su Benny Strasser e 2”03 su Joshua Barth; in campo femminile svetta l’ecuadoriana Diana Marggraff in 4’08”425 con 8”17 su Katrin Karkhof e 21”079 su Liz Schwemmer.

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti