Scoprendo la natura selvaggia del Monte Legnone

“Quant al Legnun el gà al cappel, lasa la ranza e ciapa el rastrell”: resoconto della salita sul Monte Legnone in autunno avanzato.

28/11/2017
scritto da Eva Toschi

 

Siamo saliti nel bosco e tramite un sentiero che lo attraversa siamo arrivati al Rifugio Legnone (1690 m) e ci siamo diretti verso la Galida e poi sul sentiero del Monte Colombano (2005m). Se fino a questo momento era una veramente tranquilla camminata, qui abbiamo dovuto tirare fuori picca e ramponi, e in alcuni tratti, legarci in conserva.

Purtroppo le condizioni della neve non erano ottimali, abbiamo trovato una crosta superficiale che in un alcuni tratti ti faceva credere di rimanere “a galla” ma che spesso si rompeva e ti trovavi immerso nella neve inconsistente fino alla vita.

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti