Slurplee Waves: session su onde ghiacciate negli Stati Uniti

A seguito dell’ondata di gelo dei giorni scorsi sulla costa nord-orientale degli Stati Uniti si è verificato il fenomeno delle Slurplee Waves: pochi surfers temerari hanno surfato tra le onde di questa magica “granita oceanica”.

10/01/2018
scritto da Michele Cicoria

Era già successo durante l’inverno 2015 e nei giorni scorsi si è ripetuto: la costa nord-orientale degli Stati Uniti d’America è stata interessata da un’eccezionale ondata di gelo polare, che ha portato valori di temperatura fino a -20°C ed oltre.
Insieme al clima artico la east coast ha ricevuto i classici swell invernali, raramente paragonabili a quelli dell’altra sponda ma comunque in grado di produrre onde surfabili, molto spesso simili a quelle del Mediterraneo.
La particolarità che in questo caso le ha rese davvero uniche è il loro stato fisico: famose come “Slurplee Waves” questo onde “ghiacciate” si formano in condizioni di gelo profondo e più precisamente quando la temperatura del mare scende al di sotto di -1.9°C (ricordiamo che il sale disciolto abbassa il punto di congelamento dell’acqua marina).
Temperature basse unite al moto ondoso attivo danno origine ad una sorta di granita vicino al bagnasciuga, che rende le onde più lente e l’acqua davvero densa, offrendo uno spettacolo unico.
Per la seconda volta in 2 anni l’isola di Nantucket ha potuto ammirare il fenomeno: in questo caso le onde sono state anche surfate da alcuni rider temerari, armati di muta di almeno 6 mm di spessore. Video di: Jonathan Nimerfroh.

Potrebbe interessarti anche

Meteo surf

Commenti