Problemi in Nuova Zelanda - 4 Snowboard

Problemi in Nuova Zelanda

di | 9 agosto 2009 | Highlights | 28

Sembra che a Wanaka in Nuova Zelanda le autorità locali abbiano sorpreso alcuni snowboarders in possesso di cannabinoidi avviando immediatamente le azioni legali dal caso.

La notizia arriva direttamente dal sito dell’ ESPN/snowboarding in cui viene raccontata per filo e per segno la storia, stando a quanto rilasciato dalle autorità locali. Infatti, sebbene le autorità non abbiamo diffuso i nomi degli arrestati, le ulteriori informazioni sembrano essere sufficienti per risalire ad un paio di nomi noti dello snowboarding internazionale. 

Si parla infatti di “high profile USA snowboarders … one winter olympics double medalist … 21 e 26 anni di età” da cui sono partite  le ipotesi si tratti di Danny Kass e Lui Vito. Agurandoci che non sia così vi lasciamo con questo video con Danny Kass prodotto da Nike Snowboarding.

Commenti

  • Anonimo

    ***** agli sbirri di merda!!!!!!!!free joint!!!!!!!!

  • Anonimo

    solidarietà per quei due bravi ragazzi

  • Anonimo

    io sono in nuova zelanda e danny kass lo vedo tutti i giorni…non è mai stato arrestato ed è veramente pesante fare dichiarazioni simili

  • Anonimo

    non gliel’ha ordinato il dottore di fumare quindi cazzi loro

  • Anonimo

    ma che discorsi del cazzo fai?? che c´entra questo con l´antidoping???? la cannabis all´antidoping é una grossissima stronzata. Allora potrebbero metterci anche l´alcool!

  • Anonimo

    a giudicare da questo articolo linkato nell’articolo della ESPN un fondo di verità c’è … http://www.stuff.co.nz/southland-times/news/2716613/US-snowboarders-up-on-dope-charges … se è kass se la gira tranquillo perchè non è arrestato ma solo accusato e si dovrà presentare davanti al giudice prossimamente.

  • Anonimo

    che sfiga,poveri ragazzi…legalyze!!!!!!!!!

  • Anonimo

    sembra che abbiano anche arrestato un allenatore che girava con 8 ovuli di ketch….

  • Anonimo

    chiunque abbiano agganciato solidarieta’ a loro….***** police

  • Anonimo

    I’VE GOT THE STRAIGHT EDGE

  • Anonimo

    Sono 2 personaggi di spicco a quanto sembra, ciò contribuisce a rovinare l’immagine di questo sport, e sottolineo sport. Se le accuse fossero confermate, beh mi auguro che gli sponsor gli annullino i contratti e li lascino a piedi, così le nazionali per le Olimpiadi. Sarebbe un messaggio chiaro per i più giovani, e per tutto il movimento snowboard in generale.
    La polizia ha fatto il suo dovere. Anzi ci vorrebbero più controlli anche in Italia, specie in pista e negli snowpark.

  • Anonimo

    ma va in culo mona. siamo nello stato del controllo, non si può più fare niente e tu vuoi più controlli? ma va va

  • Anonimo

    cazzo di perbenisti… sono due persone eccezionali, che hanno aiutato molto lo sport. eppure adesso, per una stupidaggine del genere vengono subito additati da persone che probabilmente non faranno mai un decimo dei loro risultati, non solo nello sport ma anche nella vita.
    io non fumo, ma mi rendo conto che questa è solo una stupidaggine … i problemi seri nello snowboard sono altri: tipo che nella federazione siamo considerati sport uno sport minore, meno del biathlon oppure che il freestyle sia consideratomeno del border e dell alpino, una cattiva informazione, pochi park fatti a modo etc etc….. veramente… il paese del controllo ( quoto) e si spara ancora merda su due che lo snowboard lo fanno veramente, lo vivono veramente e che lo aiutano veramente

  • Anonimo

    gente come Kass fa più per lo snowboard che tutte le federazioni messe insieme … poi che i quotidiani ci faranno sopra uno scandalo ed additeranno gli snowboarder come tossici è un altro paio di maniche … ma questo non dipende certo da Kass e da questo caso isolato … dipende dal fatto che fin dall’origine lo snowboard è stato uno sport ribelle ed ha dato migliaia di occasioni per far parlare di se in questo senso … lo scandalo di Martin Freinademez a Nagano ve lo siete dimenticati? Nonostante tutto Martin è ancora un eroe in austria perchè è sempre stato fedele alle sue origini ed allo sport. Se sta storia è vera il risutlato sarà che in New Zealand l’anno prossimo ci saranno MOLTI meno pro americani …

  • Anonimo

    we anonymous del 10 agosto alle 23.33 ma ke cazzo sei figlio di uno sbirro?????spero ke gli sbirri ti portino via la patente cosi non vai piu in giro x le montagne a rompere il cazzo!!!!!!!viviamo in uno stato ke non ci consente di fare nulla e tu vuoi piu controlli sopratutto negli snowpark?????vai a giocare a bocce PICIU’

  • Anonimo

    Non è una stupidaggine…le droghe non sono una stupidaggine. Finchè ci sarà chi tollera questi comportamenti non potrà mai andare bene, nello snowboard come in altri campi. E non è un discorso perbenista, ma di chi ha sbagliato in passato e ne ha pagato le conseguenze. E non ditemi che non danneggia l’immagine di questo sport allora…hanno fatto una cazzata non c’è dubbio, ma tra dire questo e dire che non hanno fatto niente di male ce ne passa…così mi fanno schifo poi i commenti contro la polizia…i 2 hanno sbagliato punto, e se si è a certi livelli, l’immagine conta molto, perciò ripeto quanto sopra, questa è serietà e professionalità…Son d’accordo poi che i problemi nel mondo dello snowboard sono altri, specie in Italia.

  • Anonimo

    si dai smettiamo anche di bere e di fare party,poi propongo di andare tutti a messa la domenica mattina prima di salire in park!piu’ controlli piu’ controlli,tutti a pisciare al sert per portare i tossicologici in tasca da esibire ai polizziotti delle piste dai,vedrete in quanti saremo a fare questo amato sport…sballarsi con una canna non è mica essere dopati come TUTTI i ciclisti professionisti,che pero’ continuano a far correre…

  • Anonimo

    ben detto … il ciclismo è lo sport scandalo, con sputtanamenti quotidiani nel giro d’italia per problemi di doping … perbenisti! ipocriti! non sono certo 4 canne il problema dello snowboard … sempre che uno ce lo voglia trovare un problema nello snowboard! a me dispiace solo per danny kass e vito e spero ne escano puliti che sono troppo forti e simpatici …

  • Anonimo

    ……………………..ACAB……………………..

  • Anonimo

    roiality approva…

  • Anonimo

    ho avuto la fortuna di conoscerli entrambi e in special modo Luie,ho fatto piu’ di una serata e di canne non ne ho sentito neanche l’odore,per me ci deve essere un grosso errore,che speriamo venga chiarito,se comunque hanno sbagliato e’ giusto che paghino per l’errore,visto appunto che sono degli esempi sopratutto per i piu’ piccoli.Ricordiamo il canadese ros rebagliati (medaglia d’oro in psg nagano),fumare comunque e bere(ubriacarsi) fa male e non si nega ma c’e’ sempre la liberta’ e la coscienza per farlo(non giudichiamo nessuno perche’ nessuno e’ candido),i controlli ci devono essere e fatti in maniera corretta e senza sparare sul mucchio,ciclismo = doping probabile ma li sono controllati,il calcio dove girano i veri soldi lasciano passare chi si fa di cocaina (che e’ peggio)e non montano su mille fantasticherie come per altri sport comunqeu sbattiamoci tutti per migliorare i nostro bellissimo sport sia nella costruzione di park e resort che per l’immagine ,anche perche’ di festaioli “drogati” e tutto quello che si dice sul nostro ambiente e’ solo 1% il resto sono tante persone corrette e dsciplinate ciao

  • Anonimo

    cazzo abbiamo i mafiosi che fanno girare tonnellate di cocaina ed eroina nei camion in tutta Italia e chissa perchè non li sgamano mai..trovano per lo più ragazzi con 2 joint e sono additati a vita come feccia della società..e questo sopra mi viene a dire gli sbirri hanno fatto il loro dovere anzi ci vorrebbero più controlli??

  • Anonimo

    Scusa Anonimous AKA LO SBIRRO:

    Non capisco il nesso tra serietá, professionalitá e fumare due canne. Io lavoro per l´azienda leader mondiale di mercato dell´attrezzatura da snow-skate-surf e posso dirti che fior di manager e gente con due palle cosí qualche canna la fuma.
    “le droghe non sono una stupidaggine”
    la cannabis é una droga ne + ne meno di alcool, antidolofici, tabacco, .ECC ECC ECC ECC

    SMETTIAMOLA DI SPARARE CAZZATE.

  • Anonimo

    cmq in nuova zelanda ci sono queste regole e quindi bisogna rispettarle, punto e basta.
    mi scoccerebbe se IL CIO se la prendesse con loro questo si perche allora doveva farlo anche con phelps.staremo a vedere…

  • Anonimo

    x anonimous AKAlo sbirro:controllore di mmerrdddaaa okkio a girare in fresca che setisi acchiappa finisci nel dirupo!!!coglione che tisei subito le conseguenze diqualche canna…sfigato babbo di minchia!!!

  • Anonimo

    bene così anche in Italia controlli sui consumi di cannabis e altro mi son rotto le palle a vedere sempre più gente sfasciarsi di canne nelle chill-out area, andare a fare snowboard per molti è diventato farsi le canne in completino da neve— sulle seggiovie sulle linee di park ovunque si vede solo questo—state dando a questo sport un immagine di cacca…statevi a casa a sfasciarvi questo è uno sport non una moda del momento…per non parlare poi delle cicche di siga e canne che lasciate cadere ovunque ed il rispetto per l’ambiente fanno bene i francesi a rompervi il culo se non ve le mettete in tasca!!!

  • Anonimo

    Viva le cicche in tasca! I filtri delle porre sono biodegradabili al 100%! Non capisco tutto sto accanimento contro le canne! E soprattutto perchè grappina a ogni rifugio sì e porrino in seggiovia no? Se ti piace snowboardare nel pieno delle tue facoltà fallo pure, ma perchè rompere il cazzo a chi vuole salire in montagna e sballarsi a 2500 (che fa anche di più)?
    “mi sono rotto le palle a vedere…” girati dall’altra parte!
    “si vede solo questo…” magari invece di guardare la gente in chill-area o in seggiovia perchè non guardi i kicker: ancora non c’è nessuno che fuma mentre fa bs7! Divertiti come vuoi in montagna invece di giudicare come si divertono gli altri! Lo snow è libertà, chi pensa di poter imporre il proprio “stile” agli altri si troverà benissimo con una bella crew di slalomisti, sveglia alle 4 e giù tra i pali alle 5:30, quello si che è uno sport inquadrato!
    peesout

  • Anonimo

    sono stato a Queenstown NZ negli ultimi 6 mesi, due americani sono stati beccati farsi una canna…… ma Kass è stato processato per aver guidato il suo furgone sulle piste mentre erano aperte al pubblico, è stato testato è risultava negativo in tutto.
    Forse era meglio farsi una canna, ma non guidare in direzione del pipe con i turisti che surfavano intorno……questione di gusti.

Leggi Anche