Snowboardcorss femminile a Sochi: sfortuna per la Moioli

17/02/2014

Giornata difficile quella di ieri per lo snowboardcross italiano. La giovane diciotenne Michela Moioli era ad un passo dalla medaglia olimpica quando un contatto con la bulgara Jekova l’ha buttata fuori gara causandole la rottura dei legamenti del ginocchio.

moioli

La semifinale per la Moioli era stata a dir poco pazzesca. Partita molto male, arriva a superare la britannica Gillins all’ultimo secondo, guadagnando una finale meritata. Ma purtroppo solo sesto posto per Michela ed oltre il danno la beffa, il legamento crociato sinistro non ha retto dopo lo scontro con la bulgara.

Queste le parole del dt azzurro Cesare Pisoni: “Fa parte del gioco, bisogna accettarlo. Giustamente ha provato fino all’ultimo, è nel suo carattere, quando ha un’avversaria davanti cerca sempre di superarla ma capita anche che ti tocchi e cadi, è stato un contatto fortuito, non intenzionale“.

“Michela è arrivata fin qui grazie alla sua forza di volontà e alla sua grinta – continua Pisoni – è una classe ’95, ha dimostrato di essere uno dei più grandi talenti che c’è al mondo in questa disciplina, alla prima Olimpiade è arrivata sesta sfiorando la medaglia, è nata per lo snowboardcross. La gara maschile? Venderemo cara la pelle. Al 90% ci sarà anche Perathoner, nonostante la frattura al polso vuole gareggiare, e tutti e quattro sono ragazzi che possono giocarsi il podio. Negli allenamenti Matteotti e Visentin sono andati bene e domani la pista dovrebbe raffreddarsi. Se così fosse, Matteotti, che è il più leggero, avrà un grosso vantaggio perché, più la pista è ghiacciata, meno conta il peso e più la tecnica”.

Potrebbe interessarti anche

Commenti