Stranavigli 2016: online report e foto

14/06/2016
scritto da Michele Cicoria

Successo senza precedenti per la settima edizione di Stranavigli: la nuova darsena di Milano si è trasformata in una grande fiera in cui surf e attività action/outdoor sono stati protagonisti indiscussi. Quest’anno il ricco programma è stato completato perfettamente anche grazie alle buoni condizioni meteorologiche, che hanno tenuto lontano dal capoluogo lombardo i temporali previsti.

IMG_4050

Oltre ai numerosi stand presenti lungo l’affollata passeggiata della nuova darsena novità assoluta di quest’anno è stata la presenza della surfskate urban wave by Whitezu, portata a Milano grazie al prezioso contributo di Northshore, surf shop sponsor dell’evento.
Come in tutte le ultime edizioni anche quest’anno immancabili le session di wake-surf tra la darsena e il naviglio grande insieme al team Lomac, con spettacolari esibizioni dei fortissimi riders Alessandro Marcianò, Filippo Orso, Luis Brito, Sergio Muniz, Lorenzo Castagna, Roberto D’Amico e Elisabetta Giunto.

IMG_4264

Tanti altri eventi e contest hanno animato il week-end di Milano dal mattino a notte fonda, regalando moltissimo spettacolo da venerdì a domenica 12. Tra i tanti ospiti presenti alla manifestazione da segnalare anche quella di Hunter Joslin, inventore di indoboard e surfer di grandissima esperienza che ha dato spettacolo insieme a Guido Virgulti, responsabile Indoboard Italia. Le esibizioni di wakesurf alternate al flyboard si sono susseguite fino in tarsa serata, mentre al tramonto la musica dei We Love Surf ha animato la nuova darsena.  In attesa del report ufficiale firmato surfers.it, Navigli Lombardi ed Evoluzioni Urbane vi lasciamo alla nostra ricca gallery qui sotto. Presto online anche il video report dell’evento realizzato dal team di videomakers capitanato da Manuel Bove.
Ringraziamo tutti coloro che hanno reso possibile il week-end di surf a Milano, primo fra tutti il main sponsor RENAULT, gli sponsor RENORD, RENAULT FILIALE MILANO e gli sponsor tecnici NORTH SHORE MILANO, DUDE, WEWOOD.

Potrebbe interessarti anche

Commenti