Swiss Cup decisiva per le convocazioni olimpiche

07/06/2016
scritto da Redazione 4Mtbike

Il weekend internazionale, preludio a quello dedicato ai vari campionati nazionali, era incentrato sulla quarta coppa della Swiss Bike Cup a Granichen, con pochissimi stranieri al via ma grande battaglia fra i locali per la conquista delle maglie per Rio. Nella prova Open scontato successo dell’iridato Nino Schurter (Scott Odlo), ma Florian Vogel è rimasto sempre a contatto, chiudendo a 12” solo per colpa di una caduta, mentre terzo è giunto Reto Indergand a 38”. Primo italiano Edoardo Bonetto (Sixs Devinci), 28°. In campo femminile, dove il contesto era molto più variegato e simile a una prova di Coppa del Mondo, si sperava in un segnale di ripresa da parte di Eva Lechner, ma la campionessa del Luna Pro Team non è andata al di là del 12° posto, a 8’19” dalla vincitrice Jolanda Neff, che ha dominato la prova infliggendo 2’07” alla connazionale Linda Indergand e 2’15” alla norvegese Gunn-Rita Dahle Flesjaa. Da sottolineare la splendida prova della 19enne Sina Frei, quarta a 4’00”. Nelle prove junior successi per il francese Lab con Juri Zanotti 15° e per l’americana Batten con Giulia Lazzeri anche lei 15esima.

La bella prova di Vogel non è valsa a fargli guadagnare una maglia: al termine della prova di Granichen la federazione elvetica ha infatti diramato i nomi per le gare olimpiche di Rio. Ad affiancare Nino Schurter saranno quindi Mathias Fluckiger e Lars Forster, una convocazione questa che fino a inizio stagione non sarebbe mai stata pronosticabile. Fra le donne Jolanda Neff, che gareggerà anche nella prova su strada, è stata selezionata insieme a Linda Indergand.

Jolanda Neff prima a Granichen, per lei doppio impegno olimpico (foto organizzatori) Jolanda Neff prima a Granichen, per lei doppio impegno olimpico (foto organizzatori)

PANORAMICA SUL RESTO D’EUROPA

Tripletta dei padroni di casa in Austria, a Windhaag Bei Perg per l’Asvo Osterreich GP dove a vincere è stato Karl Markt in 1h33’45” con 30” su Gregor Raggl e 2’20” su Max Foidl; in campo femminile prima Elisabeth Osl in 1h2757”, a 2’27” Nadia Heigl e a 7’59” la ceka Jana Czeczinkarova.

Continua in Danimarca la Sramliga, che ha fatto tappa a Varde con primo posto di Klaus Nielsen in 1h45’01” davanti a Jonas Lindberg a 1’13” e Kasper Svendsen a 1’59”; podio locale anche fra le donne con la l’ex campionessa europea junior Malene Degn prima in 1h19’14” davanti a Maj Thomsen a 1’12” e Janni Spangsberg Schori a 1’31”.

Malene Degn prima a Varde (foto organizzatori) Malene Degn prima a Varde (foto organizzatori)

Nella vicina Norvegia, a Oslo, era il weekend del Rye Bike Festival, principale classica di XC locale, con vittoria per Petter Fagenhaug in 1h34’43” davanti allo svedese Matthias Wengelin a 10” e all’estone Martin Loo a 2’09”. Doppietta locale fra le donne con Ingrid Boe Jacobsen prima in 1h25’02” su Elisabeth Sveum a 2’20”, terza posizione per la svedese Linn Gustavsson a 5’40”.

In Belgio, a Eupen, si è disputato l’Mtb Weekend Benelux Cup, vinta da Jonas De Bakker in 1h37’18” su Jeff Luyten a 1’05”, terzo l’olandese Frank Beemer a 1’44”. In campo femminile prima piazza per Githa Michiels in 1h25’01”, alle sue spalle l’olandese Britt Van Den Boogerd a 10’55” e Alicia Franck a 13’46”.

Spostiamoci oltre Atlantico: seconda tappa della Canada Cup, all’Horseshoe Resort, con primo posto per Peter Disera in 1h3204” davanti a Evan Guthrie a 49” e Derek Zandstra a 1’00”. Squillo di Emily Batty fra le donne, in 1h31’51” con 1’59” su Haley Smith e 2’14” su Mikaela Kofman.

Terza prova per la Fecha Copa Nacional in Costarica, a Cartago, con successo della vecchia conoscenza italiana Andrey Fonseca in 1h42’27” su Jonathan Josue Quesada a 1’25”, terzo il colombiano Diver Rincon a 4’27”. Vittoria dei padroni di casa anche fra le donne con Adriana Rojas, prima in 1h33’02” sulle colombiane Yosiana Quintero a 2’07” e Xiomara Guerrero a 2’54”. Le gare junior valevano quale 16esima tappa dell’Uci Junior Series: in campo maschile primo il colombiano Wilson Pena in 55’09” davanti al connazionale Tomas Martinez Gomez a 1’02” e al costaricano Kevin Rivera a 2’19”; fra le ragazze prima la colombiana Maria Fernanda Arevalo Granados in 58’27”, alle sue spalle Maria José Segura a 2’43” e Nathalie Ulate a 8’01”.

Assegnati ad Appling in Georgia i titoli nazionali Usa di marathon. Quello maschile è andato come nel 2015 all’intramontabile 41enne Todd Wells, primo in 4h08’53” con 1’23” su Jeremiah Bishop e 4’08” su Ryan Woodall. Fra le donne riconferma per Rose Grant in 4h51’31”, a 12’36” Kaitlyn Patterson e a 59’00” Lisa Randall.

Todd Wells, terzo titolo Usa nella Marathon (foto organizzatori) Todd Wells, terzo titolo Usa nella Marathon (foto organizzatori)

Anche in Europa sono stati assegnati alcuni titoli nazionali di specialità: a Villard de Lans in Francia successi per Frederic Gombert e Helene Marcouyre, in Russia, a Mosca, il titolo non poteva sfuggire ad Alexey Medvedev, il biker della Trek Selle San Marco primo nella Tri Niti Cup 2016.

Potrebbe interessarti anche

Commenti