‘Tracce nella neve’ con Roberto Ghidoni

Un’altro appuntamento della serie “a tu per tu con i grandi dello sport” di DF Sport Specialist: il 18 aprile è il momento di conoscere le avventure in Alaska di Roberto Ghidoni.

10/04/2019
scritto da Eva Toschi

Un’altro appuntamento della serie “a tu per tu con i grandi dello sport” di DF Sport Specialist: il 18 aprile è il momento di conoscere le avventure in Alaska di Roberto Ghidoni.

Una serata da non perdere quella prevista giovedì 18 aprile 2019 nel negozio DF Sport Specialist di Bevera di Sirtori: dopo il successo e le emozioni dell’evento organizzato in febbraio nel negozio di Milano, Roberto Ghidoni, ex ultramaratoneta e vincitore di diverse edizioni della famosa Iditarod, fa tappa anche in Brianza per regalare al pubblico lecchese i racconti delle sue avventure tra i ghiacci dell’Alaska.
Sono passati 14 anni da quando Roberto Ghidoni, definito dalla stampa americana “Italian Mouse” ha partecipato alla sua ultima Iditarod Trail Invitational ma il ricordo è più che mai vivo e il suo racconto è capace di coinvolgere il pubblico in un viaggio emozionante in una delle terre più selvagge del nostro pianeta, l’Alaska.
Durante la serata verrà proiettato il film “Tracce nella neve”, realizzato dal video-reporter Marco Preti, che seguì da vicino l’avventura di Ghidoni per documentarla e farla restare nella storia delle corse del grande nord. 
Roberto Ghidoni ha partecipato ogni anno, a partire dal 2000 fino al 2005, a tutte le edizioni della Iditarod, nelle diverse tipologie di lunghezza del percorso, sempre di corsa trainando la sua pulca: nel 2000, terzo posto nella Idita Sport Extreme di km 560; nel 2001 sempre sulla stessa tipologia di lunghezza di percorso si classificò primo a pari merito con due americani ma in classifica fu terzo; nel 2002 primo nella Idita Rod Trail Invitational versione nord di km 1800; nel 2003 vinse la Serum Race di km 1230; nel 2004 nel tentativo di ritoccare il record della km 560, non riuscii nell’intento a causa di una trombo flebite … ma vinse comunque la gara; nel 2005 partecipò alla Idita Rod Trail Invitational versione Sud di km 1800 dove vinse stabilendo un nuovo record di 23 gg, 9 ore e 55 minuti.
Il bisogno quotidiano del contatto con la natura, nella sua veste più dura ed estrema che si vive in Alaska, era un sogno per Roberto Ghidoni: un sogno che si è avverato, grazie ad una spinta interiore che l’ha motivato negli anni a superare le difficoltà lungo un percorso che richiede completa autosufficienza.

Potrebbe interessarti anche

Commenti