Windfestival 2019, che spettacolo!

L’ottava edizione del più grande Expo d’Italia dedicato agli action sport di mare e di vento si è conclusa con uno straordinario successo.

07/10/2019
scritto da Fabio Calò

WindFestival 2019, il più grande Expo d’Italia dedicato agli action sport di mare e di vento, si è concluso ieri a Diano Marina offrendo anche quest’anno ai partecipanti e agli spettatori grandi emozioni e un successo senza precedenti.

Prima di lasciarvi al comunicato stampa ufficiale del Windfestival volevo fare un paio di considerazioni su questo evento.
In primo luogo, il Windfestival è la festa del nostro sport che tanto amiamo, gli organizzatori Valter Scotto e Andrea Ippolito, con Francesco e  tutto lo staff WF danno l’anima per la perfetta riuscita di questo spettacolare evento… ed è sempre una festa! Vedere tutti quei colori di vele, tavole… bandiere, con la cornice dello spettacolore golfo di Diano Marina e del suo pubblico, ci ha riempito di gioia.

Ma il WindFestival non è solo azione in acqua che certamente anche quest’anno non è mancata. Basti pensare che su 4 giorni di festival abbiamo avuto 3 giorni plananti per il windsurf e kite. I foil particamente hanno navigato da giovedì mattina a sabato sera! E noi abbiamo anche avuto modo di testare qualche tavola e vela.

Se a questo ci aggiungi anche qualche ondina da poter surfare col sup e il surf… acqua ancora calda e temperature estive… ecco il mix perfetto per un’altra edizione di successo!

Dicevamo che il Windfestival non è solo azione in acqua ma è anche tutto il resto di contorno in cui gli organizzatori stanno credendo da tempo e ogni anno aggiungono qualche cosa in più!
Quest’anno non solo la spiaggia e il lungomare era dedicato alla manifestazione, ma anche tutto il centro storico di Diano Marina, con stand vari e attività sportive da provare! Il che ha reso il tutto ancora più speciale, potevi girare tranquillamente per il centro storico  del paese (zona pedonale) e ad ogni angolo imbatterti in qualche cosa da vedere o fare marchiato WF.
Scrivo in questo momento da papà e non addetto ai lavori. Come ogni anno ho portato mio figlio al Windfestival e anche questa volta si è divertito davvero tanto. In una giornata il mio piccolo di 5 anni ha potuto fare un po’ di windsurf (con me), per poi giocare con le onde. Tolta la muta e fatto due passi in paese ha fatto anche un corso di skate, una prova di basket, un corso di motocross e altre cose che non ho fatto a tempo a vedere perchè impegnato allo stand 4Windsurf.
E con lui c’erano tantissimi altri bambini che si devertivano, che vivevano il mare e gli sport adrenalinici di cui i genitori sono “addicted”.

Il WindFestival è proprio questo, non è solo la vetrina per i vari brand del nostro settore per esporre il loro nuovissimo e bellissimo materiale e farlo vedere a noi “soliti” surfisti, ma anche il modo per far sognare i più piccoli, per fargli vedere che tutti gli sport acquatici legati alle onde e al vento sono “cool”, che vivendo la spiaggia e il nostro ambiente ci sono anche tante altre possibilità per divertirsi perche il mondo del windsurf è uno spasso… insomma per far venire la voglia alla prossima generazione, al nostro futuro, di far parte di questo mondo dei action sport.

Questo è quello che ho visto quest’anno a Diano Marina, e quindi non posso fare altro che ringraziare e inchinarmi alla grande passione e volontà di chi organizza il WindFestival con la speranza di vederne anche altri di questi eventi lungo la nostra penisola… magari senza sovrapporre le date… e cercando, pur mantenendo ognuno la propria identità e filosofia, di unire idealmente le forze e di tifare e impegarsi tutti quanti insieme per il nostro futuro. E per questo motivo che tutti i brand dovrebbero partecipare al WindFestival dando il loro contributo, perchè abbiamo bisogno di questo titpo di manifestazioni e il WindFestival di Diano Marina deve continuare a splendere!

Grazie a tutti coloro che ci sono venuti a trovare al nostro stand di 4Windsurf/4Sup rinnovando anche l’abbonamento e facendo il carico di riviste… e ci rivediamo all’edizione 2020!

Pienamente soddisfatti gli organizzatori Valter Scotto e Andrea Ippolito: “Quest’anno, oltre agli action sport acquatici come windsurf, surf, stand up paddle e kitesurf, abbiamo voluto sviluppare un’area più vasta all’interno del centro cittadino dedicata anche agli sport urbani come skate, bmx, parkour e mountain bike e inoltre, grazie alla collaborazione delle associazioni locali, abbiamo aggiunto discipline più classiche come vela, calcio, arti marziali e pallavolo. È stata una scelta indovinata che ha arricchito la manifestazione con nuovi contenuti particolarmente apprezzati dal pubblico. Siamo felici per i risultati, ogni anno arriva a Diano Marina un numero sempre crescente di appassionati anche in virtù del sostegno di molti espositori e sponsor che sono parte integrante per la buona riuscita dell’evento.”

Risultati WindFestival 2019
SUP Challenge Sprint Race: 1º Martino Rogai
SUP Challenge Long Distance Beach 9 km: Race 1º Reza Nasiri (49’ 58”), 2º Martino Rogai (52’ 35”)
SUP Maschile Overall: 1º Martino Rogai, 2º Reza Nasiri, 3º pari merito Oscar Violet e Diego Rogai
Windrun 7 km. Maschile: 1º Daniele Carlini (25’ 53”), 2º Michele Chiefari, 3º Davide Oriolo
Windrun 7 km. Femminile: 1ª Francesca Baronchelli, 2ª Giusi Testini, 3ª Marina Antelli
Windsurfer Class Regatta Maschile: 1º Berry Donkersloot
Windsurfer Class Regatta Femminile: 1ª Marta Monge

Sabato pomeriggio si è svolta la gara di corsa con tacchi a spillo che ha visto prima al traguardo Mari La Scotto mentre nella serata di sabato l’attesissimo Bikini Contest ha decretato la vittoria di Nicole Vio, sedicenne di Albenga, premiata con un voucher valido per tre notti in un resort siciliano.

Adaptive Windsurf e Surf
Fin dalla prima edizione il WindFestival ha sostenuto i ragazzi amputati che hanno potuto scegliere fra diverse discipline. Quest’anno sono state inserite in calendario le giornate paralimpiche con esibizioni e gare dedicate agli atleti adaptive in collaborazione con il CIP (Comitato Italiano Paralimpico) Liguria. Molte le realtà presenti in questa edizione a partire dal progetto Corri sull’acqua Windsurf4Amputees di Francesco Favettini, titolare del “2 Sides Watersports Center Porto Pollo”. Favettini fa parte del gruppo di lavoro Paralimpico Sardegna FIV ed è l’ideatore dell’Adaptive Windsurf, il primo progetto al mondo che avvicina i portatori di protesi allo sport del windsurf e recentemente ampliato a tutte le disabilità fisiche.

L’atleta livornese Massimiliano Mattei, vincitore in Portogallo della medaglia d’oro ai Campionati Europei di Adaptive Surf lo scorso maggio, era presente con Surf4All, la prima scuola di Adaptive Surf in Italia che insegna alle persone con ridotta mobilità fisica la pratica del Sup e del Surf grazie a particolari tavole adattate. Simone Capelli, Personal Trainer Master Sport Specialist per la Federazione Italiana Pesistica Circuit Training Adaptive, ha fatto scoprire, e soprattutto provare, come si allena l’atleta disabile, con esercizi funzionali, aperti a tutti. Alto gradimento per le mini lezioni gratuite da 30 minuti per adulti e bambini, pensate per avvicinare tutti i neofiti agli sport d’acqua e di vento.
Durante l’evento la sicurezza è stata garantita dal dispositivo di galleggiamento personale Kingii, Water Safety Partner dell’evento.

Il WindFestival 2019, organizzato da TF7 Open Sport Asd in collaborazione con il Comune di Diano Marina, Assessorato allo Sport e Gestioni Municipali Spa, ringrazia per il supporto Csen e FIV.

Link: WindFestival2019

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti