Winter Love

Kari Schibevaag ci mostra ancora una volta un lato magico della sua Norvegia…

29/12/2018
scritto da Roberta Pala

È freddo e posso sentire il vento in faccia. È un po ‘doloroso, ma dopo un po’ ti abitui. È pazzesco là fuori. Il vento è così forte che mi diverto con un aquilone di 3 metri quadrati, ma dopo un po’ devo rientrare perché tutto è congelato. Le mie linee, il depower e la muta sono coperte di ghiaccio. È difficile fare manovre in questo tipo di condizioni, ma la sensazione è davvero speciale.

 

L’atmosfera, il freddo, la luce e le montagne coperte di ghiaccio e neve. Tutto è così bello qui. Puoi fare solo una session perché quando ti fermi, la temperatura fredda prende il sopravvento sul tuo corpo. Si tratta di muoversi. Se muovi, stai bene, ma non appena ti fermi, il freddo diventa doloroso.

La parte più impegnativa è quella di uscire dalla muta, ma se sei veloce e metti dell’acqua calda di un termos sui piedi e sulle mani sei pronto, o corri e salti, allora sei a posto. Il tuo corpo si adatterà al freddo. La prima volta è la più difficile, ma dopo diventa più facile e puoi rimanere più a lungo là fuori.

La vita è più dura in inverno, ma a mio parere è molto meglio di sabbia calda, crema solare e palme…

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti