Home Windsurf Prodotti 2016 Starboard Wave e Freestyle range

2016 Starboard Wave e Freestyle range

0

Starboard presenta oggi ufficialmente il nuovo range 2016 Wave e Freestyle con i suoi Quad, Kode Wave e Kode FreeWave, Reactor e Flare!
Il range Starboard 2016 ha in generale un approccio più semplice e diretto al wave, frewave e freestyle. Starboard introduce tre gamme wave dedicate, composte da Quad, la nuovissima Reactor, e la Kode Wave. Le ultime sono state ridisegnate in modo da essere delle tavole freewave sempre più veloci ed anche con nuove misure. Anche le freestyle sono state rifinite, in collaborazione col uno dei miglior team al mondo, per ottenere il prodotto più performante in assoluto, completando al meglio il line up Starboard 2016.
Oggi iniziamo a presentarvi il nuovo Quad e il Flare!

f03abe50-bbe3-4762-89fb-8b4b00b2917c

QUAD
Presa massima ed istantanea, proiezione in curva e radicalità. Le Quad offrono una combinazione di velocità, flow e potenza, permettendo al rider di restare più connesso che mai alla sezione critica dell’onda. Le 4 pinne, chiglia con V a poppa e rails sottili ed affilati garantiscono la massima reattività e stabilità, generando una proiezione ottimale in ogni bottom turn, buttandosi a capofitto sui rails per alcune delle curve più potenti e radicali mai fatte.

16_QUad89CProductGuide_11-14

 

Design e Performance
Rocker: Linea di rocker bilanciata con un punto d’ingresso ribassato ed una posizione avanzata della sezione di “power flat” per la massima portanza. Il tutto, combinato ad un perfetto tail kick garantisce un immediato ingresso in planata ed un’eccellente reattività in curva.

Outline: profilo tradizionale con extra rocker sui rails, più curvi nella sezione tra le straps, in modo da permettere al rider di fare curve strettissime ed impattare il lip sempre più verticale. La poppa squash aumenta il volume, traducendosi in maggior range di utilizzo e possibilità di sfruttare al meglio le condizioni.

Shape della chiglia: Monoconcavo nella sezione centrale/avanzata per la massima accelerazione, velocità di punta e portanza. Il passaggio graduale a doppio concavo e poi alla V avviene davanti alle pinne anteriori, per garantire la massima facilità nella transizione rail to rail e durante i cutbacks. La V diventa poi piata a poppa per permettere al rider immediati cambiamenti di direzione quando ne ha più bisogno, in modo da impattare il lip ancora più in verticale.

Rails: La combinazione perfetta tra volume per galleggiamento ed affilatezza per la massima presa in curva, anche alle massime velocità, gestendo facilmente eventuali chop o turbolenza sulla faccia dell’onda.

Pinne: Setup Quad classico con le pinne posteriori proprio sotto al piede posteriore per garantire la massima presa. Scasse laterali ultraleggere SlotBox 10 per un’immediata performance e facilità di utilizzo.

_SI_3364-copy

Spider Chart
Assieme al Kode Wave ed al Reactor, le Quad completano effettivamente il range di tavole wave Starboard.
La Kode wave è più veloce, e rappresenta la scelta ideale per gli spots europei, secondo lo stile new school di Philip Koester. La Reactor è la versione iper reattiva di una tavola da puro surf di ultima generazione sviluppata da Jaeger Stone. La Quad invece è la scelta ideale di Scott McKercher per surfate potenti, con onde pulite e curve proiettate con l’intero rail che morde in acqua, ideale per le condizioni wave down the line.

Caratteristiche principali
– Rails che combinano volume per galleggiamento ed affilatezza per la massima presa in curva, anche alle massime velocità.
– Outline tradizionale con extra rocker sui rails, più curvi nella sezione tra le straps, in modo da permettere al rider di fare curve strettissime ed impattare il lip sempre più verticale.
– Poppa squash per maggiore volume, traducendosi in maggior range di utilizzo con vento leggero e possibilità di sfruttare al meglio le condizioni, anche con onde molli e garantendo ottima proiezione durante gli off the lip.
-Rocker bilanciato sezione di “power flat” sotto il piede d’albero combinato ad un perfetto tail kick per massima portanza ed eccellente reattività in curva.
– Il passaggio da mono concavo della sezione anteriore a doppio concavo e poi alla V avviene davanti alle pinne anteriori, per garantire la massima facilità nella transizione rail to rail e durante i cutbacks. Poppa con V piatta.
– Setup Quad classico con le pinne posteriori proprio sotto al piede posteriore per garantire la massima presa. Scasse laterali ultraleggere SlotBox 10 per un’immediata performance e facilità di utilizzo.

SB_WS_DY5_D4_1238-copy

Informazioni aggiuntive
“La Quad è una di quelle tavole su cui ti trovi immediatamente a tuo agio, “invisibile” sotto i tuoi piedi e di cui ti dimentichi immediatamente. La planata e velocità di punta sono notevoli, ideali quindi per saltare ed in generale è uno shape veramente veloce e poderoso. C’è qualcosa di speciale nel modo in cui la tavola accelera e nella natura delle curve. Ti puoi fidare ciecamente a buttare tutto il peso sui rails, con cui ti senti più a contatto che mai, percependo da subito il potenziale di proiezione ed accelerazione ad ogni curva. Durante il top turn ed in uscita dal bottom, il rider si sente in grado di fare qualsiasi cosa, già dalla prima onda! Distruggere il lip in verticale, fare aerials sulle sezioni, tricks aeerei, slashare e far partire le pinne…Il tutto sempre con il massimo controllo ed in maniera spontanea ed automatica. Questa tavola conferisce al rider una botta di autostima e sicurezza, con un’eccezionale portanza prima, durante e dopo la curva. Un vero sogno e privilegio per ogni tester.”
– Estratto da Windsurf Magazine – Test tavole wave 2014

“La Quad plana alla grande, anche con vento leggero o rafficato. E’ davvero veloce e facile da controllare. Anche il minimo spunto del rider produce una risposta immediata, rendendo le curve verticali facilmente fattibili. E’ molto leggera e scorrevole, specialmente quando si fa waveriding sul piede anteriore, buttando tutto il peso sui rails, in modo che le pinne facciano la massima presa e la tavola diventi tutt’uno con l’onda. La Starboard Quad ha una poppa più larga, che è un notevole vantaggio in termini d’ingresso in planata, controllo e performanza anche con onda piccola, mantenendo la velocità durante le curve. Nessuna tavola riesce a mantenere la velocità ed unire molteplici curve come la Starboard Quad”.
– Estratto da Windsurfing Jahrbuch – Test tavole wave 2015

FLARE
Tavole puramente dedicate al freestyle, per staccare sempre più alto e rispondere immediatamente a qualsiasi input del rider. Accelerano immediatamente e risultano compatte sotto i piedi, offrendo la massima reattività e leggerezza sia per le manovre aeree che non. Realizzate, testate e rifinite dal team di freestylers migliore al mondo.

16_Flare93CProductGuide_11-20

Design e Performance
Rocker e Shape di chiglia: Riadattati dalle iSonic per la massima velocità di punto, efficienza ed accelerazione.
Profilo: Il 93 è 2.5 cm più largo ed il 103 3cm, mantenendo sempre una coperta piatta, in modo da risultare più stabili e bilanciate che mai, anche prima di entrare in planata o quando stai finendo le manovre. La larghezza sotto al piede anteriore, combinata alla poppa stretta ma spessa, permette di carvare facilmente, garantendo maggiore pop e stacchi più alti ed incisivi.
Avendone allargato gli shapes, sono state anche accorciate in media di 2.5cm per mantenere la massima reattività, compattezza e sensazione di leggerezza e velocità nelle rotazioni. Che tu stia facendo le prime spock o flaka o sei già al livello successivo con Kabikuchi, alte kono, culo e pasko, le nuove Flares sono leggere, stabili ed estremamente performanti.
Rails: La nuova poppa extra spessa, di 7mm, con volume aggiunto permette un’andatura più comoda, facilitando le manovre in slashata pinna in avanti, diventando anche più accessibile e perdonando maggiormente gli errori. Un’altra novità per il 2016 è l’arrotondamento ed ammorbidimento dei rails in modo da facilitare la slashata, specialmente in condizioni choppate, senza però intaccare la velocità massima ed ingresso in planata.
Pinne: Per il 2016, la tavola è equipaggiata con una pinna Drake Ready to Freestyle, realizzata da Taty Frans NB-9, con la nuova scassa PowerBox per la massima resistenza alle flessioni e torsioni.
Costruzione: Chiglia e coperta in costruzione iperleggera 450 Carbon Reflex per minimizzare il peso garantendo la massima reattività e flex necessario per assorbire gli urti.

SB_WS_DY2_D3_5743-copy

Spider Chart
Rispetto alle Kode FreeWave, le Flare si differenziano per essere le tavole puramente dedicate al freestyle, con pop, velocità e portanza superiori ed anche maggiormente accessibili. Tutte le tavole sono equipaggiate con una pinna Drake Ready to Freestyle sviluppata da Taty Frans NB-9, più piccola rispetto al setup di pinne thruster che si trova sulle Kodes.
Le Flares quindi richiedono un livello iniziare leggermente più esperto per usarle così come sono, a meno di cambiare la pinna e metterne una più grossa. Le Kode FreeWaves sono più indicate per carvare sui rails, fare un po’ di waveriding con onde piccole o planare dritti a tutta velocità, saltando in condizioni bump and jump e per la massma trazione direzionale.

Caratteristiche principali
– Rails a prua più arrotondati per rotazioni più facili e morbide
– Coperta piatta e sottile nella sezione centrale ed avanzata della prua
– Rails con un bordo affilato per il massimo rilascio d’acqua, sviluppando la massima velocità, ingresso in planata ed accelerazione
– Novità: 2/3 cm più larghe nella per maggiore stabilità ed equilibrio in rotazione, riadattate ad un profilo più corto in modo da avere uno shape il più compatto possibile
– Novità: Poppa più spessa per avere maggiore volume sotto al piede posteriore: maggiore pop, centro di gravità più vicino alla posizione del rider per il massimo controllo e perdonare gli errori
– Costruzione iperleggera e flessibile in Carbon Reflex
– Novità: Rails leggermente più arrotondati rispetto alla versione 2015 per perdonare maggiormente gli errori e facilitare le manovre in rotazione
– Novità: Scassa PowerBox

SB_WS_DY1_D1_1630-copy

Informazioni aggiuntive
Testate ad Alacati, Bonaire, Maui e Nuova Caledonia da Taty Frans, Amado Vrieswijk, Ethan Westera ed i campioni del mondo Kiri Thode e Sarah-Quita Offringa.

Articolo precedenteEdoardo Papa in finale a Biarritz fra i migliori groms europei
Articolo successivoVerde per domani al Bear Longboard Surf Summer 2015
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.