Home Running News A Fukuoka un’edizione un po’ al ribasso

A Fukuoka un’edizione un po’ al ribasso

0

A Fukuoka un’edizione un po’ al ribasso

E’ una maratona di Fukuoka un po’ diversa dalle altre, la 65esima edizione che si disputa domenica prossima e che è valida per la Iaaf Gold Label. Gli organizzatori, ricevuta la conferma dalla federazione nazionale che la gara tutta al maschile avrebbe avuto il valore di prima prova qualificativa per i prossimi Giochi Olimpici di Londra, hanno concentrato il loro impegno in sede d’ingaggi verso i corridori locali richiamando in gara sette fra i migliori esponenti del panorama nipponico. Contro di loro otto stranieri non di primissimo piano, guidati dall’ucraino Dmytro Baranowski che la Maratona di Fukuoka l’ha vinta nel 2005 salendo sul podio anche nel 2006 e 2009. Attenzione anche ai russi Dmitriy Safronov, bronzo europeo a Barcellona 2010, e Alexey Sokolov, ma forse le insidie maggiori potrebbero arrivare dall’irlandese Alistair Cragg, grande esponente dei 5000 metri alla sua seconda esperienza in maratona dopo il ritiro di Boston e dal kenyano di stanza in Giappone Josphat Ndambiri, quinto sui 10000 ai Mondiali 2007 e al suo debutto sui 42,195 km. Fra i giapponesi il miglior tempo d’iscrizione è di Yuki Kawauchi, 18° agli ultimi Mondiali ma con un personale di 2h08’37 stabilito quest’anno a Tokyo.