Home Mtb News A Kuhlavy e Pendrel gli ori per la Gazzetta

A Kuhlavy e Pendrel gli ori per la Gazzetta

0

A Kuhlavy e Pendrel gli ori per la Gazzetta

Conto alla rovescia esaurito per le Olimpiadi di Londra: da domani e per due settimane abbondanti non si parlerà d’altro che di medaglie, di record e di campioni e tutti andranno a guardare con curiosità (ma chi opera nel mondo dello sport anche con apprensione) all’evoluzione del medagliere, testimonianza dello stato di salute di una nazione. Nelle ore di vigilia tutti si sono scatenati a fare pronostici, a cominciare dal presidente del Coni Petrucci che vola basso parlando di 25 medaglie (ma a conti fatti già questo potrebbe essere un obiettivo difficile da raggiungere) e i principali organi d’informazione hanno sviluppato i propri vaticini sulle varie gare, oltre 250 che assegneranno titoli e medaglie. Ultima in ordine di tempo la Gazzetta dello Sport, che nel suo inserto di presentazione dei Giochi ha sviluppato le proprie tabelle.

La curiosità che ci riguarda più da vicino concerne naturalmente le due prove di mountain bike. In campo maschile, differenziandosi dai pronostici dei columnist americani di Sports Illustrated e Usa Today, la Gazzetta dà fiducia al campione del mondo, il ceko Jaroslav Kuhlavy, accreditato dell’oro davanti ai due grandi rivali, lo svizzero Nino Schurter e il bi olimpionico francese Julien Absalon. Fra le donne doppietta canadese con la favoritissima Catherine Pendrel (in ballottaggio fino all’ultimo per fare da portabandiera per il suo Paese nella cerimonia inaugurale) e Marie Helene Premot, bronzo un po’ a sorpresa per la ceka Katerina Nash, molto accreditata in virtù delle sue prestazioni nelle due tappe americane di Coppa del Mondo dove però molte delle principali esponenti europee non c’erano. Il secondo weekend di agosto vedremo se alla rosea hanno visto giusto.