Pubblicità
Home Windsurf Video A lezione di strambata con il Black Team
Pubblicità

A lezione di strambata con il Black Team

0

Sul numero di 4Windsurf in edicola vi abbiamo proposto la nostra nuova rubrica che vedrà Andrea Cucchi darci qualche prezioso consiglio per farci divertire ancora di più. Abbiamo iniziato analizzando la differenza tra la Power Jibe e la mitica Lay Down. Il team Point-7, più attivo che mai, ci propone oggi questo video didattico sulla stambata, buona visione!

 

Jibe quick tips by the Black Team from Point-7 on Vimeo.

Andrea Cucchi:
” Apriamo le riviste, facebook, magazine online di windsurf, e vediamo queste bellissime foto di azione radicali in onde esotiche… ma torniamo alla realtà. Questo è il nostro sogno o il desiderio vero è di chiudere una strambata come si deve? Per molti di voi conosco già la vostra risposta. Quante volte arriva il momento di dover girare la vela, e cambiare la posizione dei piedi in strambata, e si diventa tutti instabili e indecisi?
È un movimento meccanico, ma la diversa attrezzatura, condizione del vento, acqua, rendono la strambata una delle manovre più difficili da eseguire. È un po’ come lo swing nel golf! Le posizioni leggermente diverse, il timing, fanno la differenza tra una strambata che finisce in velocità ed una che finisce con un gran tuffo nell’acqua. Una strambata laydown eseguita perfettamente ad altissima velocità è sempre una delle manovre più gradite da vedere per molti surfisti. È come trovare il coraggio di poter fare il sognato forward loop. Ma per fare una bella strambata non si rischia niente… basta entrare a piena velocità in curva ed in assetto aggressivo e determinato. Sicurezza decisione e pochi movimenti extra sono la chiave del successo!”.

Shooting Tenerife
TESTO DI 4Windsurf, Andrea Cucchi
FOTO DI Gianni Squitieri 

 

Articolo precedenteSilvia Mecucci entra nel team Fanatic
Articolo successivoEl porto shark
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.
Pubblicità