Home Running News Addio a Villiam Govi, Podista doc

Addio a Villiam Govi, Podista doc

0

Addio a Villiam Govi, Podista doc

Ieri alle 10:30 alla Casa di Riposo Esperidi di Montalto di Vezzano si è spento il notissimo podista Villiam Govi, 55 anni, da alcuni mesi in lotta contro una malattia incurabile. Govi era stato fermato a livello podistico da una gravissima emorragia cerebrale, mentre correva a Cavriago il 2 luglio 2010. Soccorso con una notevole celerità, i medici erano riusciti a salvargli la vita, dando anche un piccolo spiraglio sulla possibilità almeno di riprendere a camminare.

Lascia due sorelle, Lorella di 52 anni e Nadia di 58, oltre all’anziana mamma Enza di 81 e al cognato Gabriele che lo ha seguito come le due sorelle.

Ed è proprio Lorella, che si era fatta portavoce anche dopo il luglio del 2010, a lasciare una testimonianza di Willia (come a tutti era più noto): “L’unica mia consolazione – dice Lorella – è che per il male che l’ha portato via da noi non ha sofferto. Purtroppo era stata l’emorragia a cambiargli la vita. Abbiamo cercato in tutti i modi di tenerlo con noi, ma alla fine non siamo riusciti e siamo stati costretti a ricoverarlo alle Esperidi. Era quasi due anni che non riuscivo più a guardarlo negli occhi, di colpo lui che era stato libero come l’aria di volare da una arte all’altra del mondo, si è trovato come un topo in gabbia e senza speranze. Ecco, volevo chiedere pubblicamente scusa a tutti i podisti e a tutti i suoi tantissimi amici, ma nonostante i nostri grandi sforzi e nonostante tornasse a casa nei weekend, non riuscivamo più a gestire la situazione sotto l’aspetto medico”.

E in effetti Govi la maratona l’aveva davvero nel sangue: correva da una parte all’altra del pianeta e, ironia della sorte, non aveva nemmeno la patente di guida. Ha gareggiato in tutte le condizioni, con centinaia d’aneddoti. Forse il più noto è quello di una maratona russa: Govi aveva avuto dei problemi con il visto ed era arrivato tardi. Ebbene, gli organizzatori rimandarono la partenza di oltre un’ora per avere al via quello che era diventato il simbolo della corsa.

Disegntore tecnico, non di rado lo si vedeva allenare intorno ad Albinea, dove viveva in via Togliatti. Domani alle 16:30 partirà da Via Terezin 15 il funerale verso la chiesa di Albinea. Dopo la funzione il feretro sarà portato al cimitero di Coviolo. La famiglia comunica che avrebbe piacere che tutti i podisti fossero presenti con l’abbigliamento sportivo, grande amore di William Govi.

Claudio Lavaggi – Resto del Carlino Reggio Emilia