AKU, la forma all’origine di ogni calzatura

    0

    La capacità di generare la forma della calzatura è forse il più grande patrimonio delle aziende di produzione di calzature tecniche. Attraverso l’utilizzo della forma ricavata artigianalmente, i modellisti creano un oggetto tridimensionale, la scarpa, partendo da elementi bidimensionali stesi in piano, cioè pelle e tessuti. Il valore di questa lavorazione è percepibile nella calzata di ogni singolo modello, apprezzando l’armonia e il comfort con i quali i materiali costruttivi si adattano all’anatomia del piede, seguendone il naturale movimento durante la camminata.

    La realizzazione di una forma, frutto di una costante ricerca sull’anatomia plantare, è un processo lungo ed accurato nel quale si condensa la lunga esperienza di AKU nella progettazione e produzione di calzature di alta qualità da alpinismo, backpacking e trekking.

    La forma originaria AKU è la matrice dalla quale, grazie a specifici adattamenti, derivano le diverse tipologie di forma, che variano in rapporto ai diversi modelli e alla specifica funzione d’uso del prodotto.

    Forme morbide ed accoglienti sono la prerogativa delle calzature del segmento ACTIVE, destinate all’attività outdoor leggera, in condizioni non impegnative e su fondi regolari. Forme avvolgenti ed anatomiche sono invece destinate alle calzature del segmento TREKKING, per offrire stabilità e favorire l’azione dinamica nella camminata su sentieri di montagna con fondo molto irregolare. Infine, forme asciutte ed allungate sono impiegate nelle calzature professionali del segmento MOUNTAIN, per favorire la precisione e la sensibilità nell’utilizzo in arrampicata su roccia e ghiaccio. Come ad esempio nei modelli AKU Serai GTX e AKU Tengu GTX che adottano la forma Performance Fit. Qui il tallone ha una forma anatomica concepita per trattenere il piede e con la parte dell’avampiede che, senza compromettere la precisione in punta, è più spaziosa e garantisce così una migliore termicità e circolazione sanguigna anche durante soste prolungate con i piedi nella neve.

    Articolo precedenteVideo Test: kit Milkit e gomme Vittoria Agarro
    Articolo successivoBronze56K new video con Jacopo Carozzi
    Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui