Pubblicità

Alla Sea Otter si rivedono Lopes e la Beerten

0
Il vincitore Brian Lopes in azione (foto Dave McElwaine/organizzatori) Il vincitore Brian Lopes in azione (foto Dave McElwaine/organizzatori)

Giornata di chiusura per la Sea Otter Classic incentrata sulla gara di downhill: la contemporaneità con la prova di Coppa del Mondo di Pietermaritzburg ha tolto di scena molti dei protagonisti più attesi ma a iscrivere il suo nome nell’albo d’oro della classica americana di Monterey è comunque un nome importante, quello del pluricampione del mondo Brian Lopes (Intense Pearl Izumi) che in 2’03”628 ha preceduto i connazionali Logan Binggeli (Khs Factory) di 1”616 e Josh Carlson (Giant) di 2”821. Un’ex campionessa del mondo prima anche fra le donne, con l’olandese della Specialized Anneke Beerten che in 2’21”061 ha staccato di 2”120 la canadese Sarah Leishman (Norco Sram) e di 7”824 la brasiliana Luana Oliveira (Oakley).

Dopo la vittoria nel cross country il campione svizzero Christoph Sauser ha deciso di evitare lo sforzo della Granfondo, vinta in 1h42’08” dall’americano Ricky Willis, che ha preceduto di 2’05” il connazionale Todd Tanner e di 17’53” il peruviano Alvaro Castro. Nella prova femminile prima la californiana Margaret Conley in 2h08’59”, a 9’45” Julianne Silva e a 12’38” la texana Merie Wimmer. 342 gli arrivati.