Pubblicità
Home Running News Bamoussa scatena un tornado su Agordo
Pubblicità

Bamoussa scatena un tornado su Agordo

0

Bamoussa scatena un tornado su Agordo

“Quest’anno niente Le Miglia di Agordo perché vogliono solo atleti di livello alto”. Questo il messaggio che Abdoullah Bamopussa, l’atleta marocchino della Friulintagli, che vive a Longarone postato sulla sua pagina Facebook. A questo post ne sono seguiti molti altri, alcuni anche offensivi, ma nessun chiarimento da parte dell’organizzazione della gara. “Io ho provato a postare un chiarimento – attacca Fiorendo Dalla Cà, motore de Le Miglia – ma il titolare del profilo non lo ha voluto mettere in evidenza e sono usciti commenti anche pesanti. Per questo mi riservo di intraprendere eventuali azioni legali”. Secondo Bamoussa la sua mancata iscrizione alle Miglia è stata una scelta dell’orhanizzazione: “Hanno paura che li batta” ha aggiunto il marocchino. Frase che ha suscitato la reazione di Dalla Cà, che chiarisce: “Va detto che lui non ha mai parlato con noi organizzatori circa una sua presenza alla gara di domani. A noi sono state avanzate richieste unicamente da Ezio Rover, manager del Brugnera Friulintagli di Bamoussa nonché presidente della Fidal Provinciale a Pordenone. Ma gli abbiamo risposto che il nostro modesto budget è al limite”. Le Miglia, annualmente, riceve almeno 200 richieste da atleti, soprattutto stranieri, che vorrebbero partecipare alla gara chiedendo un rimborso spese. Ma questo non toglie che chiunque possa iscriversi alla gara. “E lo poteva fare – sottolinea Dalla Cà – anche l’atleta di Longarone, come fa in molte altre gare non competitive. Noi non abbiamo mai negato l’iscrizione ad alcuno, Anzi per i senior, junior, promesse e bambini è addirittura gratuita. Non solo, le iscrizioni non le raccogliamo noi ma la Tds, ovvero la società che fornisce chip e classifiche”. E sul fatto che le gare sono preparate e non volevate far vincere lui? “Non si spi9ega come Gabriele De Nard, alla 18esima partecipazione abbia vinto una sola volta. Inoltre lo scorso anno il marocchino è arrivato sesto davanti agli italiani Gualdi, Villani, De Nard, a un belga e un austriaco. Se avessimo voluto programmare la gara nel 2012 Abdoullah Bamoussa non sarebbe certo arrivato tra i primi”.

Il Gazzettino Pordenone