Home Running News Bavisela, altro sforzo per la solidarietà

Bavisela, altro sforzo per la solidarietà

0

Bavisela, altro sforzo per la solidarietà

In continuità con le azioni di responsabilità sociale avviate dal nuovo corso della Bavisela negli ultimi due anni, durante i quali sono stati destinati 17mila euro di contributi charity a strutture ed associazioni locali e nazionali e, in ogni caso, con evidenti ricadute positive sul territorio, la Bavisela Family 2014 si rivolge in modo ancora più attendo al mondo delle onlus.

Nel 2012, attraverso le iscrizioni alla Bavisela Family, sono stati raccolti 1.000 euro a favore del Burlo Garofolo, 1.400 per Telethon, 1.125 per l’UICI Trieste (Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti) e 1.500 per la LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori), in occasione della
Christmas Run ulteriori 1.000 euro sono andati alla Fondazione Casali.

Nel 2013 invece ben 8mila euro sono stati devoluti a Telethon grazie alla Bavisela Family (un euro per ogni partecipante), mentre in occasione della prima Trieste Women Run 2800 euro sono stati divisi tra Goap e Casa di Accoglienza La Madre Caritas di via Navali.

La Bavisela quindi presenta per il 2014 una nuova iniziativa, mettendo a disposizione delle onlus 5mila pettorali per la Family, la non competitiva in programma il 4 maggio 2014, a un costo agevolato di soli 7 euro, da acquisire entro il 15 marzo.

Ogni onlus avrà così la possibilità di contattare direttamente i propri partecipanti, raccogliendo le adesioni a tariffa charity personalizzata e fornendo poi i dati degli iscritti alla Bavisela entro il 20 aprile.

Più il numero delle iscrizioni sarà elevato, più visibilità sarà garantita all’associazione prima e durante la Bavisela. Le tre onlus che avranno il numero maggiore di iscrizioni si divideranno un bonus di 5mila euro (tra chi supererà i 500 pettorali).

“L’evento sportivo più partecipato del Friuli Venezia Giulia – spiega Fabio Carini, presidente del sodalizio triestino – non fa 100mila e nemmeno un euro di utile, ma distribuisce ricchezza sulla città e in regione, lottando e soffrendo ogni singolo giorno dell’anno per costruire un’offerta sempre più professionale ed allettante per runner ed appassionati di tutto il mondo che da due anni a questa parte sono in costante crescita sulle nostre strade. Per essere chiari, ogni euro
investito dalle istituzioni rientra 10 volte sul territorio in termini di turismo, consumi, lavoro, promozione, fiscalità e solidarietà”.

“Ecco perché – aggiunge Carini – l’evento Maratona d’Europa è una straordinaria occasione per esercitare concretamente la responsabilità sociale che fa parte del nuovo corso Bavisela. Con il programma charity dedicato, ogni onlus potrà essere protagonista sul campo beneficiandone
direttamente ma anche grazie alla comunicazione ed alla visibilità garantita dalla Bavisela. Trieste ha ora l’occasione di essere protagonista di un progetto senza precedenti nella nostra area, evidenziando la volontà e la capacità di vivere una giornata di sport solidale indimenticabile per tutti”.

Ad ogni onlus saranno dunque riservati servizi speciale, secondo la quantità di pettorali acquisiti. Chi ne avrà un numero da 50 a 149 potrà contare sul logo della propria associazione presente sul sito www.bavisela.it e comunicati stampa ad hoc sulla partecipazione all’evento. Chi opterà per un numero da 150 a 299 iscrizioni in aggiunta avrà anche news e post pubblicate sulla pagina Facebook della Bavisela, che attualmente conta su 17mila utenti, in
costante aumento. Il sodalizio che sceglierà dai 300 alle 499 pettorali avrà in più anche un video promozionale dedicato, realizzato da professionisti del settore, infine chi supererà i 500 pettorali avrà anche una postazione gratuita all’interno del Charity Village, allestito nelle
giornate della Bavisela tra Rive e piazza Unità.

L’iniziativa è stata presentata alla Sala Matrimoni del Comune di Trieste, dove il sindaco Roberto Cosolini ha annunciato che parteciperà per la prima volta alla Bavisela del 2014 nel tracciato Family, confermando anche il sostegno del Comune alla manifestazione nei prossimi
anni. “La Bavisela è un grande fenomeno sportivo, sicuramente uno degli eventi di punta, che garantiscono un’attrattività per la città e ne danno un’immagine positiva – ha detto il primo cittadino – grazie a questa iniziativa nel campo delle charity la Bavisela si conferma un evento
fortemente sociale, sia per il coinvolgimento di tantissime persone nello sport sia per la sensibilità nei confronti delle ricadute sul territorio, come dimostrano i 17mila destinati alle onlus negli ultimi due anni. Come Comune abbiamo sostenuto in passato e sosterremo la Bavisela in futuro. E per la prima volta nel 2014 tra i partecipanti della Family ci sarò
anch’io!”.

Ulteriori 5mila pettorali, che contribuiranno in ogni caso al bonus onlus, saranno distribuiti esclusivamente al Centro Maratona, con una super agevolazione introdotta per la prima volta e dedicata agli under 18, che potranno acquisire pettorale e t-shirt esclusiva a soli 5 euro, senza
contare la partecipazione gratuita dai 0 ai 3 anni.

Per tutti gli altri, un ricco pacco gara, pettorale e t-shirt a 15 euro complessivi.
Per informazioni e adesioni è attiva la mail onlus@bavisela.it Il volantino sull’iniziativa è on line sul sito www.bavisela.it nella sezione “bavisela onlus”.

Micol Brusaferro – Ufficio stampa