Home Windsurf News Challenger Sails e il suo impegno verso i giovani, parte 2

Challenger Sails e il suo impegno verso i giovani, parte 2

0

Ieri vi abbiamo presentato la nuova vela dedicata ai bambini e ragazzini di Challenger Sails. Oggi è il turno delle nuove vele scuola in cui lo Sporting Club Sardinia ha messo a disposizione il suo “banco prova” per permettere a Claudio Badiali di creare un prodotto che rispecchia alla perfezione le esigenze di insegnamento. Ma Challenger non si è limitata a progettare e creare solo una vela scuola, ma anche una vela dedicata agli istruttori e alle loro esigenze, differenti ovviamente da quelle dei loro corsisti!

IMG_2996

In base alla vostra esperienza allo Sporting Club di Porto Pollo, potete raccontarci qualche cosa su queste nuove vele scuola di CHS?
La nostra scuola ha un’esperienza più che ventennale nell’insegnamento del windsurf, con più di 1000 allievi l’anno dai 5 ai 70 anni. Durante questi 20 anni ci siamo accorti che le nostre esigenze non erano le stesse delle altre scuole.
Le vele in produzione della maggior parte delle aziende in commercio erano prodotte per un mercato molto generico rispetto alle esigenze della nostra scuola e dei nostri clienti. Ci siamo accorti che la facilità nell’apprendimento dei nostri corsisti dipendeva in special modo dai materiali.
Per quanto riguarda le vele, tra le qualità necessarie ci sono la leggerezza, la misura adatta al corsista secondo le sue capacità e le sue caratteristiche fisiche.
Abbiamo ritenuto utile rivolgerci alla auto progettazione e alla costruzione delle vele che esprimessero le nostre esigenze e quelle dei nostri corsisti.
Abbiamo iniziato la progettazione di vele con misure specifiche a seconda delle corporature e delle capacità, misure differenti che si adattassero ai diversi corsisti.
La nostra scuola usa e sperimenta queste tipologie di vele già da parecchi anni, cercando di migliorarne la resistenza e le sue qualità.
In seguito ad un incontro con Claudio Badiali di Challenger Sails, per il 2014 abbiamo deciso di realizzare tre differenti tipologie di vele da scuola di diverse metrature e e con diverse quantità di  stecche, ma in ogni modo resistenti e leggere.

IMG_2914

Abbiamo prodotto tre gamme differenti di vele :

  1. La prima gamma è composta da vele di metratura che varia dai 5,5 mq ai 4,0 mq con 2+1 stecche e sono  state sviluppate per l’uso da persone adulte oppure alte o pesanti.
  2. La seconda gamma è composta da vele di metratura che varia dai 3,5 mq ai 2,2 mq con solo 2 stecche e sono state sviluppate per persone più leggere oppure bambini più pesanti.
  3. La terza gamma è composta da vele di metratura che varia dai 2,1mq ai 0,8 mq con solo 2 stecche e sono state sviluppate per bambini molto piccoli oppure per bambini molto leggeri, sono vele che nella nostra scuola utilizziamo per i corsi che noi identifichiamo con corso per bambini “Gioco Surf”.

IMG_2985

Il materiale con cui sono state prodotte le vele è materiale di altissima qualità, un Dacron leggero con un peso di 245 gr.
I più coinvolti nella progettazione e nei test delle vele e dei materiali sono i nostri istruttori, tutti altamente istruttori qualificati, che durante l’insegnamento sono intervenuti indicando dove e come si potessero migliorare le vele.
I benefici per i corsisti sono molteplici, sicuramente la qualità migliore è il rapporto tra peso e resistenza, che dona alla vela della metratura adeguata per il corsista, le migliori  caratteristiche quali la leggerezza e la stabilità necessaria che permette un apprendimento della tecnica più velocemente.
Cosa per un scuola come la nostra è molto importante, la possibilità di risparmiare nei costi di gestione dovuti all’usura del materiale.

IMG_2918

Challenger Sails è la prima veleria al mondo che progetta una vela anche per gli istruttori. come è nata questa esigenza?
Le vele prodotte in collaborazione con CHS sono state progettate partendo da una vela di serie la 4 PRO, una vela freestyle molto leggera, stabile e performante. La misura della vela scelta è di 4,7 mq. Sono stati modificai alcuni tagli dei ferzi e naturalmente il materiale con cui sono costruite.
Il materiale usato per le vele degli istruttori è il Dacron di 245 gr, con qualità di gran lunga più resistente e materiale più longevo nel tempo.
Differentemente dalle sue sorelle 4PRO di serie, queste devono essere molto cazzate sia di caricabasso che di bugna. Utilizzare una vela che ti permetta di potere lavorare in condizioni differenti di vento e di mare, è sicuramente un grande vantaggio.

IMG_2983

Augusto, uno dei proprietari dello Sporting Club Sardinia, conferma:
“Nonostante la condizione di sicurezza di acqua piatta, ma data la condizione di vento forte oltre i 25 nodi, avevamo il problema che le vele di produzione di 120 gr, con molte rifiniture belle da vedersi, risultavano troppo delicate per la nostra condizione. Oltre a alle rotture dovute agli urti, alle catapulte e allo stress dell’esposizione al sole e alla salsedine, il materiale risultava troppo delicato per la sua grammatura originale di 125 gr. Cercavamo del materiale che fosse resistente ma allo stesso tempo leggero, cosi abbiamo compensato riducendo le stecche e togliendo tutto il superfluo dalle vele, modificando le rifiniture inutili e sostituendo la tasca d’albero in cordura, che tra l’latro imbeveva molta acqua, con una tasca in Dacron da 280 gr. mantenendo, se non alcuni casi riducendo il peso delle vela scuola. Abbiamo abbinato anche alberi ultra leggeri Micro Ultra Skinny, con boma ultra leggeri per le vele dalla 0.8 alla 2.2.”

 

TESTO E FOTO DI Ricacrdo Genazzani, Eba Media CON LA COLLABORAZIONE DI Sporting Club Sardinia

www.portopollo.it

Articolo precedenteTop list trailer 2014 parte 3
Articolo successivoThe west coast of Norway
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.