Home Running News Che fine ha fatto Rosalba Console?

Che fine ha fatto Rosalba Console?

0

Sarà una lunga degenza: Rosalba Console dovrà attendere almeno tre mesi per poter gareggiare di nuovo, dopo l’operazione al tendine che ha subìto tre mesi fa. Un intervento un po’ complicato, in quanto si era formato del tessuto fra tallone e tendine d’Achille destro, aggravato da una forte infiammazione che per mesi non le ha dato pace. Come se non bastasse la ferita dopo un mese si è riaperta e sono stati necessari altri punti, aggiunti a quelli ormai cicatrizzati nell’operazione effettuata da un primario di ortopedia al Gemelli di Roma. Ora si dovrà attendere primavera inoltrata per valutare bene le sue condizioni: a maggio dovrebbe tornare ai livelli di un tempo e poter competere anche in una grande manifestazione internazionale.

Da un anno e mezzo la carriera della maratoneta tarantina è stata un calvario, anche se i medici della Fidal e delle Fiamme Gialle avevano già allora consigliato il ricovero, ma la Console ha preferito allenarsi per non perdere la convocazione azzurra agli Europei di Zurigo di questa estate. La gara gli ha riservato una bella sorpresa, dacché pur arrivando 40esima, ha conquistato con le sue compagne l’oro a squadre. Fino a maggio la cartilagine dovrebbe stare a posto, purché non si formino altri grumi e non si presenti una ulteriore infiammazione.

Si renderà necessario quindi fare dei test e correre su ritmi elevati, da gara di gran richiamo, considerando che la podista di Crispiano per la prossima stagione se tutto va bene vorrebbe partecipare ai Mondiali e nel 2016 gareggiare nella sua terza olimpiade. La carriera di maratoneta è molto lunga e può arrivare anche alla soglia dei 40 anni e lei che ne compie 35 tra una decina di giorni, conta di poter fare almeno un altro paio di annate al top. Dovrebbero coincidere molti fattori, ma non si perde d’animo, peraltrol’operaziomne in sé è andata bene e se non fosse per la riapertura della ferita, si potrebbe immaginare un decorso tranquillo, non ci dovrebbero essere altri problemi.

In queste stagioni di maratone e corse ha patito numerosi piccoli infortuni, che sono nel novero di discipline molto logoranti, ma la Console aveva voluto fortemente esserci negli Europei, purtroppo l’operazione, e la ferita soprattutto, gli hanno fatto slittare di un mese almeno il recupero e si sapeva bene che i tempi sarebbero stati già lunghi, ma negli ultimi anni è stato davvero difficile per lei competere sempre al massimo a livello internazionale. Inoltre vorrebbe che si realizzasse un suo desiderio, avuto sin da piccola, quello di gareggiare a New York.

Quotidiano di Puglia