Home Running News Chiba e Diekirch, cross di livello assoluto

Chiba e Diekirch, cross di livello assoluto

0

Chiba e Diekirch, cross di livello assoluto

Domenica l’attività internazionale si concentra su due appuntamenti di cross, entrambi validi per lo Iaaf Cross Country Permit e agli antipodi l’uno dall’altro: a Chiba il principale appuntamento asiatico di corsa campestre vedrà tornare “sul luogo del delitto” i vincitori dello scorso anno, entrambi kenyani che vivono e corrono proprio in Giappone. Charles Ndirangu punta addirittura al tris consecutivo sui 12 km del percorso ma troverà sui suoi passi un altro campione uscente, il connazionale Jeremiah Thuku che lo scorso anno vinse fra gli juniores. Un altro kenyano potrebbe però mettere tutti d’accordo: è Jonathan Ndiku, due volte iridato junior sui 3000 siepi e nazionale lo scorso anno ai Mondiali di Bydgoszcz. Fra gli altri stranieri spiccano l’etiope Million Zewdie Yehualashet, secondo lo scorso anno, l’ucraino Mykola Labovskyy, Mihammed Abid (Mar) e Hermano Ferreira (Por). Fra le donne, torna la vincitrice 2013 Rosemary Wanjiru, chiamata a difendersi dalla connazionale Felista Wanjugu, specialista della mezza maratona con un recente primato di 1h09’36” che segnala la sua ottima forma. Le padrone di casa puntano sulla specialista delle siepi Misaki Sango e sul bronzo continentale sui 10000 metri Ayumi Nagiwara. Attenzione anche all’ucraina Viktoriya Khapilina, argento continentale Under 23 sui 10000 metri.

L’altro appuntamento è l’ING Eurocross di Diekirch in Lussemburgo dove è la Germania a presentarsi con molte aspettative soprattutto fra le donne, dove la maratoneta Sabrina Mockenhaupt punta a essere la quarta tedesca a vincere la classica europea. Dovrà però aver ragione dell’etiope di base in Germania Eleni Gebrehiwot, che lo scorso anno l’ha preceduta ai campionati tedeschi e che a Diekirch è campionessa uscente. Terzo incomodo la belga Almensh Belete, una delle protagoniste della stagione continentale, mentre con curiosità sarà vista la marocchina Manal Bahraoui, che lo scorso anno ha vinto il bronzo mondiale junior sugli 800 e che si metterà alla prova su una distanza inconsueta per lei, i 5,5 km. La gara maschile vede tornare sui prati che lo scorso anno lo videro secondo il kenyano Alex Kibet, che in stagione ha già vinto a Bruxelles ed è giunto secondo alla Cinque Mulini. Suoi sono i favori del pronostico, contro il burundiano Onesphore Nkunzimana tre volte vincitore nella prova lussemburghese. La storia di quest’ultimo è particolare, essendo passato nello scorso decennio fra le file del Qatar cambiando nome in Sultan Khamis Zaman per poi tornare nel 201’0 al vecchio nome e alla vecchia nazionalità. Il ruolo di outsider sarà interpretato dal campione del mondo allievi sui 3000, l’etiope Yomif Kejelcha, che fa il suo esordio internazionale nel cross. Attenzione anche al suo connazionale Tasama Dame, vincitore a novembre a Tilburg. Fra gli europei spicca la presenza dell’ex campione continentale Atelaw Bekele (Bel).