Home Running News Colnaghi, riscatto in extremis a Calderara

Colnaghi, riscatto in extremis a Calderara

0

Colnaghi, riscatto in extremis a Calderara

Come da tradizione la stagione italiana delle maratone è arrivata fino al limite dell’anno, con la prova di San Silvestro a Calderara di Reno che ancora una volta ha accolto, per la sua 12esima edizione, tantissimi concorrenti da ogni parte d’Italia, invogliati a trascorrere una fine dell’anno diversa dai canoni. La gara individuale ha riportato ai vertici dopo una stagione tribolata per le vicende del doping Pietro Colnaghi. Il corridore dell’As Merate La Termotecnica ha chiuso in 2h34’18” staccando di 5’11” Marco Serasini (Tosco Romagnola), terzo gradino del podio per Loris Fanton (Atl.Riviera del Brenta) a 8’20”, che ha preceduto Antonino Guadagnino (Pol.Virtus Cesena) a 10’58” e Luigi Maringele (Atl.Rotalliana) a 12’15”. Nella gara femminile primato per Monica Barchetti (Pod.Lippo, la società organizzatrice) che in 3h17’53” ha staccato di 19” Lorenza Di Gregorio (Runner Varese) e di 5’54” Laura Bosisio (As Merate La Termotecnica). Gli arrivati al traguardo sono stati 244. Oltre alla prova individuale era prevista anche la staffetta che ha visto primeggiare i “Mangiaciambellone” in 2h25’33” con Flavio Monteruccoli, Marco Zanini, Giuseppe Gorini e Dennis De Paola, a 3’41” i “Fritto Misto Modenese” con Emiliano Stopazzini, Alessandro Bianchi, Stefano Barbuti e Tommaso Manfredini, terzo il “Cinosa Team Sasso Style) con Marco Bonazzi, Jacopo Mantovani, Fiorenzo Bignami e Alessandro Tassoni a 3’45”. Prima squadra femminile le “Donne che non chiedono” in 3h03’53”, merito di Nicoletta Di Pasquale, Federica Zini, Daniela Ferraboschi e Ilaria Marchesi, con 4’40” sull’Atl.Banca Pesaro (Cristina Bartolomeoli, Stefania Binucci, Claudia Signoretti e Barbara Cimarrusti) e 21’12” su Pasta Granarolo (Federica Ferrari, Federica Matteuzzi, Simona Bonora e Sara Restani).