Home Running News Crevalcore, torna la vincitrice Fortin

Crevalcore, torna la vincitrice Fortin

0

Crevalcore, torna la vincitrice Fortin

Il segreto di Crevalcore? La normalità e la tranquillità. La tranquillità di chi ha preso atto del terremoto di maggio e la voglia di normalità di chi si è subito rimboccato le maniche per ricostruire. La seconda edizione della Maratona di Crevalcore di domenica prossima nasce con queste premesse. Come si evince dalle parole del sindaco di Crevalcore, Claudio Broglia, ospite della Provincia e dell’Assessore allo Sport Marco Pondrelli per la presentazione di questa straordinaria festa dello sport.

Gli ultramaratoneti Andrea Accorsi e Monica Barchetti indosseranno ancora una volta i panni degli organizzatori: i risultati gli stanno già dando ragione. Rispetto all’edizione d’esordio già trecento gli iscritti per la maratona (210 un anno fa) ai quali bisogna aggiungere gli oltre quattrocento che hanno scelto la mezza maratona. Tanti atleti conquistati dall’organizzazione perfetta di Crevalcore e probabilmente dal ruolo di ambasciatori delle lunghe distanze che proprio Accorsi e Barchetti si sono accollati negli ultimi anni.

“Ci saranno due ragazzi in arrivo dal Canada – accnta Andrea – un altro dal Wisconsin, e ancora quattro francesi, tre austriaci, un estone, se sloveni e quattro tedeschi”. Tra i favoriti, da segnalare la presenza di Paolo Bravi, campione mondiale a squadre della 100 Km, della sorella Roberta nella mezza maratona, di Gigliola Borghini e della slovena Aleksandra Fortin, vincitrice un anno fa.

Previsti anche 100 pettorali speciali “100×100 per Crevalcore”. Saranno personalizzati ma soprattutto serviranno per raccogliere fondi per un progetto di costruzione. Detto che la partenza è domenica alle 9:02 e che il tracciato è diverso (nel rispetto della zona Rossa e delle condizioni del Castello dei Ronchi) si comincerà a far festa da domani, grazie anche alla creazione di uno speciale Villaggio Maratona, che aprirà alle 14:30 nel centro sportivo di via Caduti di Via Fani.

Alessandro Gallo – Il Resto del Carlino