Home Running News Cross, prove generali per gli Europei

Cross, prove generali per gli Europei

0

Domenica estera dominata dalle prove europee di cross country, per molti atleti continentali ultimo test in vista degli Europei di Samokov del 14 dicembre, mentre i campioni africani proseguono la loro marcia di avvicinamento ai Mondiali del prossimo marzo. Ad Alcobendas (Esp), nel Cross Internacional de la Constitucion, è ad esempio arrivata la seconda vittoria nel giro di una settimana per l’ugandese Timothy Toroitich, che in 28’36” si è aggiudicato la sfida sui 9 km con il campione uscente, il kenyano Emmanuel Bett lasciato a 24” a dimostrazione della sua assoluta superiorità. Segnali di risveglio da parte del campione del mondo, il kenyano Yaphet Korir terzo a 25”. Fra le donne prima la kenyana Doris Changeiwo che sui 7,9 km in 26’49” ha preceduto di 20” l’etiope di passaporto spagnolo Tirhas Gebre, che si candida per il ruolo di primissimo piano agli Europei. Terza la portoghese Carla Salome Rocha a 41” mentre nella prova junior è arrivata l’ennesima bella prestazione dell’azzurra Nicole Svetlana Reina, che ha chiuso seconda alle spalle della spagnola Celia Anton Alonso, che l’ha riagguantata nel secondo giro per precederla di 3” chiudendo in 15 minuti netti. Terza a 37” l’altra iberica Paula Gonzalez Blanco.

Un passaggio della gara di Alcobendas; sopra, Pieter-Jan Hannes al traguardo di Roeselare (foto organizzatori) Un passaggio della gara di Alcobendas; sopra, Pieter-Jan Hannes al traguardo di Roeselare (foto organizzatori)

Tappa della Lotto CrossCup in Belgio, a Roeselare dove si è avuta la conferma dell’ottimo stato di forma del campione europeo Under 23, il padrone di casa Pieter-Jan Hannes che in condizioni difficili con freddo e nebbia ha vinto in 29’02” con 5” sul connazionale Isaac Kimeli, mentre Stijn Garain ha chiuso a 6”. Fra le donne bella battaglia tra la belga Almensch Belete e l’olandese Maureen Koster, finita a favore della prima in 21’14” con la Koster a 1”, terza la veterana belga Veerle Dejaeghere a 40”.

Terza prova contemporanea per l’Eaa Cross Country Permit il Cross de l’Acier a Leffrinckoucke (Fra) dove erano impegnati anche i nostri Stefano La Rosa e Gabriele Carletti, finiti rispettivamente 12° e 13°, lontani 42” dal vincitore, l’etiope Birhan Nebebew che sui 9,95km ha preceduto in 28’58” il kenyano James Rungaru, vincitore quest’anno della Great South Run e il 17enne etiope Amare Hailemaryan. Solo 11° a 41” il favorito della vigilia, l’ugandese Boniface Kiprop peraltro ancora sofferente per un recente infortunio. Nella gara femminile, vinta dalla 19enne etiope Senbere Teferi che sui 6,65 km ha chiuso in 23’33” con 18” sulla connazionale Weynshet Ansa, 24” sulla kenyana Cynthia Kosgei e 28” sulla campionessa europea, la francese Sophie Duarte, buon sesto posto per l’azzurra Fatna Maraoui, a 41”.

Ancora fermo lo Iaaf Road Races, il panorama proponeva però due maratone importanti, innanzitutto quella di Veracruz (Mex) che concludeva l’edizione 2014 dei Giochi Centroamericani e dei Caraibi. La gara maschile ha riportato a un successo internazionale sui 42,195 km Cuba, grazie a Richer Perez, primo in 2h19’13” con 32” sul guatemalteco José Amado Garcia, terza piazza per il padrone di casa Daniel De Jesus Vargas a 1’14”. Fra le donne primo posto con record della manifestazione per la messicana Margarita Hernandez, che in 2h41’16” ha avuto ragione della cubana Dailin Belmonte per 44”, bronzo al Venezuela con Zuleima Amaya a 1’10”.

Il vincitore della medaglia d'oro Richer Perez (foto organizzatori) Il vincitore della medaglia d’oro Richer Perez (foto organizzatori)

L’uscita dalla challenge Iaaf ha ridotto la qualità dei partecipanti alla San Sebastian Marathon, in Spagna, dove il successo è andato allo spagnolo Pedro Nimo in 2h15’57” con 2’02” sul tunisino Wissam Hosni e 4’13” sull’ex campione dei 3000 siepi,lo spagnolo Eliseo Martin. Gara donne tutta iberica con Veronica Perez prima in 2h34’45”, 5’04” su Marta Silvestre e 5’51” su Maria Elena Moreno.