Pubblicità
Home Running News De Nard e Dal Ri, marito e moglie ad Agordo
Pubblicità

De Nard e Dal Ri, marito e moglie ad Agordo

0

De Nard e Dal Ri, marito e moglie ad Agordo

Proseguono a tambur battente le iscrizioni alle 15 gare (per seniores, promesse, juniores, allievi, cadetti, ragazzi, esordienti, amatori e master) della 21esima “Le Miglia di Agordo”, corsa podistica internazionale su strada in programma sabato 28 luglio nel Centro Storico di Agordo. E intanto prendono forma le due “Corse delle stelle”, le sfide clou della sei ore di atletica spettacolo.

I primi a dare il loro “sì” alla kermesse agordina sono tre campioni d’Italia 2012, tutti e tre bellunesi: Gabriele De Nard, Federica Dal Ri e Manuel Cominotto.

Gabriele De Nard, tricolore nel cross, atleta simbolo de “Le Miglia”, timbra per la diciassettesima volta, su ventuno edizioni, il cartellino della corsa (una vittoria e due terzi posti nel suo palmares) con il proposito di rendere durissima la sfida sulle sue strade e davanti al suo pubblico.

Federica Dal Ri, tricolore sui 10000 in pista, bellunese di adozione (vive a Sedico con il marito Gabriele De Nard), torna a “Le Miglia” con l’obiettivo di ripetere la bella prestazione che le è valsa il titolo italiano, in primavera, a Terni.

Manuel Cominotto, tricolore “promesse” sui 3000 indoor, tricolore “promesse” sui 5000 all’aperto, è la sorpresa del momento: ai recenti Campionati Italiani Assoluti di Bressanone ha conquistato un preziosissimo bronzo e guarda senza paura alla sfida con i titolati avversari de “Le Miglia”, convinto di poter dire la sua in questo momento di grazia.

Oltre ai tre tricolori bellunesi, altri due atleti , che da poco hanno conquistato il titolo nazionale (e sono cinque in tutto!), hanno sciolto le riserve e confermato, in settimana, la loro presenza a “Le Miglia”: Simone Gariboldi, tricolore sui 10000 in pista in primavera, primo italiano all’”Internazionale di Oderzo” su strada, e Matteo Villani, tricolore sui 3000 siepi, con largo margine sugli avversari, a inizio luglio sulla pista di Bressanone.

Fiorendo Della Cà – Ufficio stampa