Home Kitesurf Video Finalmente ci siamo. Chapter One è uscito

Finalmente ci siamo. Chapter One è uscito

0

FINALMENTE CI SIAMO!

Chapter One è uscito! Lo trovate su Itunes al prezzo di circa 15 Euro

Per l’occasione vogliamo riproporvi un articolo uscito sull’ultimo 4Kitesurf, scritto dal nostro collaboratore Laci Kobulsky che ha assistito in prima persona alle riprese fatte ad Uruau, per l’esattezza a Prokite Brasil.

Chapter One:    il making of a Uruau

 

Cosa è Chapter One? In breve è un progetto che potrebbe cambiare la storia del kiteboard… Ma vediamo com’è andata dall’inizio! Dietro al progetto c’è una produzione olandese chiamata EyeForce, che non è nuova al mondo del kite. Il loro inequivocabile talento è già stato evidenziato in progetti come „Hidden Lines“ e „Forward“ con Youri Zoon. L’anno scorso, questo gruppo di ragazzi super motivati hanno deciso di fare qualcosa di davvero grande per la storia del kitesurf, un documentario con lo scopo di raggiungere un audience anche e soprattutto esterno al mondo del kite, simile a „Art of Flight“ nello snowboard. Questa è la storia di Laci Kobulsky che ha assistito allo shooting della parte freestyle in Uruau, Brasile.

chapter one

A PROPOSITO DEL FILM

Il documentario è inizialmente partito tramite una campagna di crowfounding online che sfortunatamente ha fallito il raggiungimento del goal. Dopo un periodo di attesa, la produzione è riuscita a trovare degli sponsors (in particolare WeTransfert) che hanno aiutato a rendere possibile la realizzazione del film. L’idea di base era quella di far vedere il meglio di ogni disciplina del kitesurf. Quindi, nel corso dell’ultimo anno la crew ha inseguito le migliori condizioni e i migliori atleti in giro per il mondo. Per esempio la parte wave è stata girata alle Hawaii con Robby Naish e Pete Cabrinha. Le condizioni estreme sono state affidate alla pazzia di Ruben Lenten, e le leggende del freestyle Aaron Hadlow, Youri Zoon e lo young gun Liam Whaley hanno messo in mostra il loro talento in brasile per la parte new school. Non per ultima, la parte più divertente del film è stata messa nelle mani di Nick Jacobsen, filmato a Neckler island ospite di Sir Richard Branson.

 

Io ho avuto l’onore di assistere alle loro riprese a Uruau, una delle locations brasiliane, e queste sono le mie impressioni!

chapter one liam

LO SHOOTING AD URUAU

Stavo lavorando nella scuola kite ProKite Brasil, situata accanto alla laguna super flat di Uruau. Lo sopot è veramente piccolo, ma l’assenza di freeriders (è troppo piccolo per loro), l’assenza di chop, e il vento costante e non troppo forte attrae in questo spot tanti PRO riders da tutto il mondo. Quando mi è stato detto che la crew di EyeForce stava per arrivare a filmare il loro nuovo film con Aaron, Liam e Youri non potevo crederci. Come rider non vedevo l’ora di conoscere I miei idoli e come cameraman ero eccitato di vedere professionisti all’opera e imparare da loro. La laguna è l’ideale per lo shooting, è collocata esattamente accanto al centro, quindi è sicura per l’attrezzatura, in più non ha marea quindi si può filmare in qualsiasi momento del giorno e ancora più importante, essendo piccola è facile muoversi in modo che il cameraman possa ottenere diverse angolazioni per riprendere. Inoltre, la comunicazione con i riders è molto, molto più facile rispetto ad alcuni altri spot.

 

Il primo ad arrivare allo spot è stato il leggendario Aaron Hadlow, conosciuto in tutto il mondo, direi che non ha bisogno di presentazioni. E’ venuto qua in Brasile sin dal primo anno in cui la station ha aperto e da allora è tornado quasi ogni anno per il suo allenamento stagionale. E’ stato sorprendente vedere le sue prime session e la semplicità con cui chiudeva alcuni tricks, per lui semplicissimi. Una cosa è vedere sua maestà nei video, ma osservarlo con i propri occhi, vuol dire davvero rendersi conto del vero potere delle sue abilità. Ad esempio, vederlo fare tricks enormi sul suo 11m Vegas mentre io ero fuori con il 9m (per poter dire di aver fatto kite con Aaron, ovviamente). Ero veramente sopraffatto, a malapena in grado di fare qualsiasi manovra. Aaron è uscito presto, e quando anch’io sono uscito dall’acqua gli ho detto “Wow era davvero forte il vento quando sei uscito, vero!? “ lui mi ha semplicemente risposto “No! era perfetto, in realtà avevo solo bisogno di riposare un po’… ”

chapter one

Pochi giorni dopo, è arrivato anche l’intero equipaggio EyeForce. Di solito nel kiteboarding, il Massimo che si vede è un ragazzo super motivato con una piccola fotocamera reflex digitale, qui invece stiamo parlando di cinque professionisti altamente qualificati con una quantità di attrezzatura infinita su cui contare. È stata proprio l’attrezzatura la cosa che veramente mi ha stupito, avevano due telecamere RED, stabilizzatore Ronin, un nuovo drone DJI, una fotocamera Hasselblad e al momento clou delle riprese hanno tirato fuori una fotocamera PHANTOM affittata per l’occasione, che spara filmati in 4K incredibili con 3000 fotogrammi al secondo (di solito I video hanno 24-30), offrendo in tal modo un vero e proprio spettacolo di “ultra-slow-motion porn”.

 

Il giorno dopo è arrivato anche Liam Whaley, l’attuale campione del mondo. La crew intanto aveva programmato le riprese per i giorni successivi, tutta l’attrezzatura era pronta e le previsioni sembravano più che promettenti. Era quasi troppo perfetto e infatti, il giorno prima dello shooting, Aaron si è stirato qualche muscolo vicino al ginocchio che aveva operato in passato. Niente di grave, ma aveva paura di farsi male seriamente, così ha deciso di rinunciare. Mi ha detto: ” non voglio far vedere il mio riding se so che non è al 100% “. E ‘stata certo una decisione difficile per lui, considerando che è venuto in Brasile solo per queste riprese, ma è proprio in questi casi si vede la professionalità del rider, quando si devono prendere decisioni del genere.

 

Quindi il primo giorno dello shooting è stato tutto dedicato a Liam. Non avevo riposto molta fiducia in questa giornata, il campione aveva inizialmente preso la cosa piuttosto sotto gamba, con aria disinteressata… siamo arrivati ad un paio d’ore dal tramonto senza aver fatto neanche prova, non potevo crederci. Ma la svolta l’ho vista quando Liam è entrato in acqua. Wow, questo ragazzo sa quello che fa, ha distrutto lo spot per due ore consecutive, eseguendo le più difficili manovre di freestyle esistenti, praticamente su richiesta. Così, a fine giornata, la troupe era pienamente soddisfatta. Non ricordo nemmeno di averlo visto schiantarsi una sola volta…

chapter one

Il giorno dopo, è arrivata un’altra leggenda dello sport, l’unico e il solo Youri Zoon, possessore di due titoli mondiali. Youri è stato formidabile, ha sparato manovre con il suo stile caratteristico, e anche se è mancata un po’ di variabilità in confronto a Liam, ha compensato bene con uno stile preciso e potentissimo. I suoi doppi sono semplicemente enormi ed eseguito un controllo impeccabile.

 

Nel frattempo è arrivato il week-end e con esso nuove complicazioni. A Uruau, la gente del posto ha la tradizione di visitare la laguna durante i fine settimana per fare le cose più svariate: barbecue, nuotare e divertirsi con la famiglia. Noi abbiamo un accordo con loro, che non ci ostacolano mai durante i giorni feriali, ma in cambio noi dobbiamo lasciare la laguna vuota durante il fine settimana, ma dato che avevamo un top rider scalpitante e l’attrezzatura pronta, non c’era tempo da perdere. Abbiamo cercato di ragionare con la gente del posto e dopo una bottiglia di alcool donata dal proprietario della struttura Gigi, I locals ci hanno permesso di continuare le riprese. Quel giorno stavano girando un po’ di filmati con il drone e penso che alla fine, con la gente del posto e gli ombrelloni intorno alla laguna, sarà ancora meglio, vedremo…

Nel pomeriggio la crew si è dedicata alle riprese di life style, e su alcuni dettagli utilizzando la macchina fotografica PHANTOM. Hanno cercato di catturare i dettagli delle mani durante I passaggi di barra e sono sicuro che sarà assolutamente impressionante! Provate a immaginare un passaggio rallentato a 3000 fps, il cielo blu nel background e le gocce d’acqua in primo piano. E ‘stato incredibile vedere che si può creare suggestione cinematografica anche filmando cose semplici come queste.

L’ultimo giorno è stato riservato alla sperimentazione. La crew Ha cercato di sincronizzare Liam e Youri facendogli fare doppi passaggi di barra in simultaneo, non ho mai visto nulla di simile! Durante il tramonto Liam stava tentando un trick mai atterrato prima, il Lowmobe 7, ma purtroppo, seppur molto, molto vicino, non è riuscito ad atterrarlo! 

I RIDERS COINVOLTI:

Youri Zoon (NL)

Sam Light (UK)

Robby Naish (HAW)

Jesse Richman (HAW)

Ruben Lenten (NL)

Keahi De Aboitiz (AUS)

Kevin Langeree (NL)

Aaron Hadlow (UK)

Nick Jacobsen (DEN)

Pubblicità