Home Ciclismo News GF di Laigueglia: Nicoletti si impone con la forza

GF di Laigueglia: Nicoletti si impone con la forza

0

GF di Laigueglia: Nicoletti si impone con la forza

E’ finita nel migliore dei modi la 13a edizione della Granfondo Internazionale Laigueglia che domenica 25 marzo ha preso il via alle ore 9.30 precise da viale Badarò e da via Mazzini della cittadina rivierasca. Ben 3000 i ciclisti che sono passati sul tappetino del rilevamento tempi posto alla partenza. Un limite imposto dalla Prefettura per motivi di ordine pubblico che sarebbe stato oltrepassato alla domenica mattina, quando le iscrizioni hanno dovuto chiudere lasciando a piedi numerosi aspiranti partecipanti. Il folto gruppo ha preso il via dirigendosi verso Ceriale, per andare ad affrontare le quattro salite in programma: l’ascesa ad Arnasco quindi a Vendone, poi la salita di Ligo, a seguire la “Cima Coppi” di Testico per terminare con l’arrivo in cima a Colla Micheri, nel comune di Andora per un totale di 110km. Una corsa combattuta fin dai primi chilometri con un susseguirsi di tentativi di fuga, all’interno dei quali il massaggiatore modenese Stefano Nicoletti è sempre stato l’elemento comune. E’ lo stesso Nicoletti a dare fuoco alle polveri insieme al compagno di squadra Davide Montanari con una fuga che permette loro di prendere oltre un minuto di vantaggio sul gruppo. Ma all’attacco della salita di Arnasco gli inseguitori forzano il ritmo fino a recuperare sui fuggitivi. I migliori ci provano in continuazione, sia in salita che nelle discese tecniche tracciate tra le splendide piantagioni di ulivi. Sul Testico si decide la corsa: si forma un drappello tra cui Nicoletti, Manuele Caddeo, Piergiorgio Camussa, Andrea Beconcini, Riccardo Toia e Paolo Castelnovo. Ci prova l’imperiese Caddeo con un’azione di potenza prendendo un buon margine sugli inseguitori, ma a Stellanello, al termine della discesa viene ripreso da Nicoletti e Camussa. A inseguire Toia, Castelnovo, Beconcini e Casartelli. I tre affrontano l’ultima ascesa di Colla Micheri con un minuto di margine sugli inseguitori. L’ovadese Camussa non tiene il ritmo e lascia andare i due compagni di fuga che decidono la vittoria negli ultimi cinque metri dove Nicoletti riesce a piazzare la sua ruota davanti a quella del giovane Caddeo. Terza piazza per Camussa. Tra le donne la vittoria va alla torinese Olga Cappiello che domina la corsa fin dalle prime salite. Al secondo posto si piazza la spezzina Daniela Passalacqua. Chiude il podio la valenzana Raffaella Palombo, compagna della vincitrice. Tra le società la vittoria va alla torinese Jolly Europrestige davanti al Circolo Sportivo Ortovero e al Team Pianeta Bici – Giordana. Sono state sufficienti poco meno di tre ore ai primi per terminare la loro prova, ma li arrivi si sono susseguiti per tutto il pomeriggio fino alle ore 15.30. Degna di nota la sicurezza sul percorso grazie all’ottimo presidio degli incroci, ma soprattutto all’ottimo lavoro svolto dal personale della Polizia che ha contribuito insieme alle numerose moto scorta a controllare la sospensione del traffico di ben UN’ORA su tutto il tracciato. “Sono estremamente soddisfatto – ci spiega Vittorio Mevio, presidente del GS Alpi e capo organizzatore della manifestazione – tutto è andato nel migliore dei modi. Una splendida giornata primaverile ci è venuta sicuramente in aiuto. Un grosso ringraziamento va alla Polizia, ai Vigili Urbani dei vari comuni passati e di tutti i volontari che si sono adoperati perché tutto terminasse nel migliore dei modi”. Un fine settimana di festa iniziato già al sabato con il ritiro dei dorsali e del pacco gara: un meraviglioso zainetto all’interno del quale erano inseriti una bomboletta di WD-40, tre salviette detergenti e una confezione di cerotti  della Safety, una barretta e due gel Multipower e un prodotto Noberasco. Assolutamente degni di rispetto i tre ristori presenti sul percorso che hanno fornito acqua, sali, frutta e merendine. Decisamente gradito il ristoro di Testico, dove venivano serviti panini con la salsiccia di Bra cotta al momento e, oltre ad acqua e sali, si poteva accompagnare la splendida pietanza con vino rosso e bianco. Molto gradito anche il pasta party finale che ha elargito agli oltre 5000 commensali pasta al pesto o al pomodoro, prosciutto cotto, un panino, frutta, una crostatina e acqua. “Laigueglia è da sempre con il ciclismo e ciò che Mevio ci ha sempre fortemente richiesto era la sicurezza – dichiara il Sindaco di Laigueglia Franco Maglione – Siamo stati contenti di collaborare per questa splendida manifestazione che è terminata nel migliore dei modi. Non ci resta che dare l’arrivederci al 2013”. La Granfondo Internazionale di Laigueglia si conferma così un “must” del fondismo italiano capace di chiamare a sé 3000 partecipanti in qualsiasi periodo dell’anno venga svolta.