Pubblicità
Home Ciclismo Foto Giro delle Fiandre 2021,qualche scatto rubato
Pubblicità

Giro delle Fiandre 2021,qualche scatto rubato

0
Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Kasper Asgreen giro delle fiandre 2021

A distanza di oltre una settimana, vi proponiamo qualche immagine rubata del Giro delle Fiandre vinto da Asgreen. Le corse del Nord hanno sempre offerto qualche spunto tecnico interessante. Grazie a Specialized per le immagini.

Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Alaphilippe e Asgreen

Giro delle Fiandre, le scelte dei pro

Sacrificando qualche parola, cerchiamo di lasciare il maggior spazio possibile alle immagini. Di seguito il confronto tra le due Specialized Tarmac del Campione del Mondo e del vincitore del Giro delle Fiandre 2021. E poi vi mostreremo qualche curiosità in merito ai rapporti scelti, alle coperture e ruote, oltre a qualche particolarità.

Corone, rapporti posteriori e pneumatici

Le combinazioni del plateau anteriore sono state principalmente due: 53/39 (scelto per esempio da Alaphilippe) e 54/42 (Asgreen). Comune a quasi tutti i corridori equipaggiati con la trasmissione Shimano, la scelta dei pignoni posteriori con la scala 11/30.

Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Il plateau anteriore di Alaphilippe, la scelta è ricaduta sulla combinazione 53/39.
Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
54/42 anteriore per il campione danese. Da notare inoltre l’utilizzo del power meter di Shimano, in dotazione a tutti i corridori del team di Lefevre.

Le ruote scelte, le Roval Rapide CLX con cerchio alto 60 mm e nella versione con altezza da 51 mm, in entrambe le versioni, ovvero tubolare e/o copertoncino. Ad esempio Asgreen, ha utilizzato la 60 per la posteriore e la 51 per l’anteriore. Tutti i corridori Specialized erano dotati degli pneumatici Turbo Cotton Hell of the North da 28c. Questo pneumatico è caratterizzato dal disegno diamantato anche nella sezione centrale del battistrada.

Il diametro differenziato dei dischi dei freni

La maggior parte dei team ha utilizzato i dischi con diametri differenti, 160 mm per l’anteriore e 140 per il posteriore. La scelta di questo componente e l’eventuale combinazione non è per nulla un fattore secondario, dove entra in gioco anche l’assistenza tecnica neutrale, che deve essere pronta a fornire il cambio adeguato in caso di intervento.

giro delle fiandre 2021
Il disco anteriore della bici usata da Alaphilippe, 160 mm di diametro.

giro delle fiandre 2021

Le altre curiosità, quelle non si scorgono dalla tv

Talvolta dalle immagini televisive non riusciamo a scorgere tutte le curiosità e particolarità, ma alcune sono davvero interessanti.

Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Non sono pochi i corridori che adottano lo schermo con la mappa e i dati del percorso.
Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Il rilevatore posizionato sulle bici, sotto la sella, eppure molti corridori hanno anche il “vecchio” transponder sulla forcella e/o su uno dei foderi del carro posteriore.
E poi ci sono le personalizzazioni delle biciclette
giro delle fiandre 2021
Le S-Works Ares utilizzate da Polit, con il nome applicato sulla talloniera della calzatura.
Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Il logo di Alaphilippe
Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati
Stem lunghissimo ed in alluminio per Asgreen, ma con manubrio full carbonio Pro Vibe Aero.

Giro delle Fiandre 2021, gli scatti rubati

a cura della redazione tecnica, immagini courtesy Specialized ( Billy LeBelge e Caulphoto)

specialized.com

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteNike Air Zoom Pegasus 38, le novità
Articolo successivoPagaiando con le orche
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità