Pubblicità
Home Windsurf Wing I primi passi con il Wing
Pubblicità

I primi passi con il Wing

0

Sebastiano Zorzi di 13 anni, local di Malcesine sul Lago di Garda, ci guida nei primi passi con il nostro nuovo Wing Foil.

STEP 1 Provare a terra l’utilizzo della Wing
Impugnare la Wing dalla maniglia sulla Leading Edge.

Portare la mano alla prima maniglia tenendo la mano opposta sulla Leading Edge.

Impugnare la prima maniglia con entrambe le mani.

Impugnando la prima maniglia più in alto la wing ha meno potenza, regola quindi la mano a seconda del vento.

Successivamente si sposta la mano destra sull’ultima maniglia ed è consigliato prenderla all’inizio.

Ora possiamo prendere la wing dalla prima e dalla terza maniglia così la wing prende vento e inizia ad avere potenza.

 

STEP 2 Entrare in acqua
Tenere la wing dalla maniglia ed entrare in acqua.

Far scivolare la wing sull’acqua tenendo la tavola dal piantone.

Io consiglio di salire da dietro con la Wing dalla maniglia e già in posizione per essere alzata.

Mettersi in ginocchio (io preferisco stare con il baricentro basso vicino ai talloni). Con la mano sottovento avvicinare la wing e prenderla dalla maniglia della leading edge.

 

Questo è un passaggio importante. Mantenere l’equilibrio e afferrare con la mano opposta la prima maniglia.

 A questo punto sentiremo già trazione e riusciremo a girare la tavola da lasco a traverso senza perdere ulteriore acqua.

STEP 3 Partenza
A questo punto possiamo prendere la prima maniglia con entrambe le mani per qualche secondo.

 

Subito dopo portiamo la mano all’inizio della maniglia bassa e teniamo il traverso.

In questa fase sentiremo la tavola accelerare prendendo velocità.

Tenendo la wing sulla testa è il momento di alzare la gamba e mettersi in piedi.

Io consiglio di mettere le strap davanti e NON quella dietro per avere un riferimento dove mettere il piede davanti. Il piede dietro va davanti alla strap posteriore.

Ora la cosa importante è mantenere l’equilibrio e ricordarsi di tenere il braccio davanti sulla testa (sventando la wing).

Appena sentiamo la wing che ha pressione, schiacciamo bene sul piantone cazzando con la mano dietro.
Ripetiamo questo movimento in sequenza.
Ripeto braccio sulla testa e cazzare spingendo con il piede sul piantone.

 

Eccoci pronti a volare!

Alla prossima…

 

TESTO DI Sebastiano Zorzi FOTO DI Alessandro Zorzi

Articolo precedenteLibro: “La mia Oceania”, in Australia con Alessia Martuscelli
Articolo successivoGiant Reign E+ 2022 e-bike nata per l’enduro
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità