Home Ciclismo News Il circuito su strada Challenge Giordana guarda verso l’ultima tappa

Il circuito su strada Challenge Giordana guarda verso l’ultima tappa

0

Il circuito su strada Challenge Giordana guarda verso l’ultima tappa

Si pedala a carte scoperte al Challenge Giordana: il circuito su strada che spazia tra Veneto, Trentino e Lombardia si avvia verso la conclusione e, ad una tappa dalla fine, i migliori del lotto sentono già il sapore della vittoria. Domenica scorsa è andata in scena ad Aprica la GF Internazionale Giordana, quinta e penultima prova del circuito, una tosta prova di forza tra i Passi Gavia, Mortirolo e Santa Cristina che, com’era prevedibile, ha dato una scossa alla classifica parziale del circuito. Sono sei i nuovi leader di categoria passati al comando dopo l’appuntamento lombardo, con un vantaggio che sarà d’obbligo mantenere nell’ultima prova, la GF Pinarello del 15 luglio. In particolare, grazie alla bella vittoria centrata sul tracciato corto di 85 km, l’altoatesina Astrid Schartmüller è tornata al primo posto della F1 mediofondo, davanti a Christiane Bitante e a Sabrina Zogli. “Vincere il Challenge Giordana è il mio obiettivo”, ha dichiarato la Schartmüller, che ha scalzato dalla prima posizione la veneta Sabrina Zogli. “A questo punto sono abbastanza sicura di farcela, ma prima di parlare aspetto di vedere come andrà l’ultima gara”. La ciclista di Merano ha dominato quattro tappe su cinque, ovvero la GF Liotto, la GF fi’zi:k, la GF Eddy Merckx e la GF Giordana, centrando l’obiettivo in tutti gli appuntamenti tranne che nella Marcialonga Cycling Craft, unica prova trentina. Insieme a lei hanno guadagnato la posizione al vertice anche Silvio Roat (V2) e Mario Manza (G2), niente di nuovo sotto il sole invece per quel che riguarda Erica Venturini (F2), Andrea Masiero (ASS), Davide Spiazzi (S), Marco Fochesato (M1), Omar Filippi (M2), Massimo Gaiardelli (V1), Claudio Bevilacqua (G1), Onorato Semprebon (SG1) ed Ivo Segato (SG2), per i quali la GF Giordana ha confermato la più che rosea situazione già delineata in precedenza. Si parla sempre di leadership anche per Carlo Muraro, primo della classe nell’Assoluta granfondo ed ormai lanciato alla conquista del circuito, in buona compagnia “rosa” con le due assodate reginette Valentina Gallo (F2) e Lorna Ciacci (F1), quest’ultima in vantaggio su Juana Paola Macedo Abregu e sulla rientrante Claudia Avanzi. Tra i granfondisti i nuovi primi classificati sono arrivati nelle categorie M1, G1 e G2, rispettivamente con Michele Bencivenni, Fabio Ferro e Stefano Mossini, mentre nelle posizioni di primo piano si sono mantenuti stabili Mauro Gerarduzzi (S), Davide Graziani (M2), Oscar Girardi (V1), Massimo Sansonetti (V2), Riccardo Gambato (SG1) e Mario Cremonese (SG2). Dopo la memorabile giornata di sport regalata dalla GF Giordana, con tanto sole ed oltre 3000 ciclisti lanciati all’attacco delle montagne valtellinesi, toccherà a Treviso e alla sua GF Pinarello scrivere la parola fine sul Challenge Giordana 2012, in quella che è la terza edizione di sempre. La 16.a edizione della GF Pinarello scatterà a Treviso, in Piazza del Grano, nella prima mattinata di domenica 15 luglio, quest’anno con tante novità proposte nei due percorsi, Medio di 118 km e Lungo di 169 km. A fine dei giochi sarà ora di festeggiare per i 1.200 abbonati del Challenge Giordana, il circuito con il maggior numero di brevettati lo scorso anno. A fare festa saranno proprio tutti i pedalatori in lizza, visto che le premiazioni finali riguardano ciascun brevettato, oltre chiaramente ai migliori dieci di ogni categoria, sia dei percorsi medi sia dei “lunghi”. Spazio anche al lavoro di squadra, il palco del Challenge Giordana riserverà le luci della ribalta alle prime tre società con il maggior numero di brevettati e per quella con il numero più alto di km pedalati. I giochi sono quasi fatti e l’attesa sta per finire, il lungo cammino nel circuito, iniziato ad aprile alla GF Liotto e proseguito con la GF fi’zi:k, la Marcialonga Cycling Craft, la GF Eddy Merckx e la GF Giordana, sta per concludersi, l’appuntamento è dunque tra un paio di settimane in quel di Treviso.