Home Mtb News Importanti novità dalla Roc Azur
Pubblicità

Importanti novità dalla Roc Azur

0

Importanti novità dalla Roc Azur

Per la sua 29. edizione (10-14 ottobre), la Roc d’Azur, ora organizzata dalla Amaury Sport Organisation, sta cercando di rafforzare il suo status di più grande eventi di mountain bike al mondo. Sulla base del fatto che ha garantito il suo successo per un certo numero di anni, l’evento continuerà a svilupparsi attraverso diverse innovazioni, ma sempre con lo sport come la parte centrale del suo DNA.
Creato nel 1983 su iniziativa di Stéphane Hauvette in un momento in cui la mountain bike era ancora una disciplina piuttosto marginale, la Roc d’Azur da allora è diventata il più grande evento al mondo per gli appassionati di mountain bike. Come un rituale, nel mese di ottobre avviene una grande migrazione nel Var di tutti gli appassionati di mountain bike, destinazione Fréjus, Roquebrune-sur-Argens, ai piedi delle montagne del Maures.
Mentre la prima edizione vide al via solo sette pionieri, oggi l’evento riunisce più di 18.000 partecipanti provenienti da cinquanta paesi diversi e quasi 150.000 visitatori. Dopo essere stato organizzato da diversi enti, l’edizione 2012 sarà il primo interamente gestito dalla Amaury Sport Organisation (ASO), il successore di Sportys. Anche l’arrivo del team A.S.O. che ogni anno organizza grandi eventi (Tour de France, Parigi-Roubaix, Paris International Marathon, Tour de France à la Voile, Asltom Open di Francia, ecc), non ha cambiato lo spirito ROC.

“La Roc d’Azur è un evento che ha quasi 30 anni di storia e siamo molto orgogliosi di incorporarla nel portafoglio di ASO” – dice Alexandre Maslin, event manager – “Siamo fortunati di poter contare su un team locale forte e motivato con un sacco di esperienza in materia. Ma c’è di più, Benoit Roy è sempre al nostro fianco con una missione di consulenza. E ‘importante poter contare su una persona che può vantare quasi 20 coinvolgimenti nella Roc d’Azur “. Inoltre, la Roc d’Azur ora ha una solida base in Fréjus a seguito di un accordo decennale siglato tra ASO e le autorità locali.
Mentre la Roc d’Azur, con la sua distanza di 56 km e 1.800 metri di dislivello, è ancora la gara leader della settimana, 25 eventi, a partire da mercoledì 10 ottobre, consentiranno ancora una volta a tutti i bikers di prendere parte alla divertimento, qualunque sia il loro livello di esperienza ed età. “La Roc d’Azur riunisce l’intero mondo del ciclismo” – secondo Alexandre Maslin – “È logico proporre eventi di cross-country, di endurance e turistici per accontentare tutti i gusti e tutti i livelli”.
Durante i cinque giorni, gli amatori saranno fianco a fianco con alcuni dei migliori biker del mondo che arrivano in Francia anche per avere un assaggio dell’atmosfera speciale ROC. Questi campioni possono combinare il piacere della Roc d’Azur con la possibilità di segnare punti UCI: le trattative attualmente in corso con l’Unione Ciclistica Internazionale, hanno l’obiettivo di posizionare la Roc d’Azur come uno degli eventi che consente ai biker di raccogliere punti. Gli eventi BMX potranno anche godere dell’etichetta della Coppa del Mondo nelle edizioni a venire.
Nel 2012, la Roc d’Azur per la prima volta darà il benvenuto al ROC TRI, una gara di triathlon che combina 1.500 metri di nuoto in mare, 34 km di mountain bike e 12 km di trail running, tra il Mar Mediterraneo e le montagne Maures. Questa attualmente è una disciplina in forte espansione, con un crescente numero di triatleti, questa pratica si espanderà nella famiglia della ROC e integrerà ancora di più gli sportivi che vi partecipano, a fianco del pubblico abituale e tradizionale della Roc d’Azur.

Sia prima, durante o dopo la gara, la Roc d’Azur 2012 presterà particolare attenzione al comfort dei suoi partecipanti. Una zona custodita fornirà la massima sicurezza per le biciclette (anche durante la notte) ed entrerà in funzione anche il ROC Service Center che fornirà di gonfiaggio dei pneumatici, lavaggio bici e assistenza tecnica. Verranno migliorati i punti di ristoro e la trasmissione delle gare su uno schermo gigante nel cuore del villaggio dell’evento, questo è altro darà alla Roc d’Azur una dimensione ancora più grande.
Per chi dopo la sua gara avrà dolori neuromuscolari, al traguardo saranno presenti anche degli osteopati, in questo modo sarà più facile fare una passeggiata rilassante attraverso il villaggio e la mostra evento (17.000 m² dei quali 8.000 coperti), un’altro degli eventi chiave dell’universo ROC.

“L’Expo della Roc d’Azur con i suoi 300 espositori è uno dei più grandi del mondo” – sottolinea Alexandre Maslin – “E’ uno dei tre pilastri della ROC con lo sport e le attività (slop style, BMX Contest, dirt, ecc.). L’Expo rappresenta per i marchi attivi nel mondo della mountain bike, del ciclismo e della vita all’aria aperta l’ultimo appuntamento dell’anno, per questo vogliamo sviluppare i test dei prodotti delle aziende, al fine di soddisfare anche le loro aspettative”

Comunicato stampa