Home Ski News Kelly Sildaru vince il Dew Tour: il futuro del freeski femminile
Pubblicità

Kelly Sildaru vince il Dew Tour: il futuro del freeski femminile

0

Se avete guardato lo streaming della finale dello slopestyle women al Dew Tour, postposta di 24 ore perchè a Breck fortunatamente nevicava, ieri sotto una bella giornata di sole ha avuto la meglio la tredicenne Kelly Sildaru. Non è un nome nuovo e più cresce più diventa potente. La sua seconda run è stata veramente pazzesca: 270in 270out, BS switch up 270out, sw R900, Cork 7, 270out, sw L900, L900 come vedete nel video qui sotto.

Photo- Chris Ortiz

Sicuramente ha messo in riga tutte le ragazze più grandi di lei, la campionessa del mondo Tiril Sjastad Christiansen ha chiuso switch right 1080 sull’ultimo salto, decisamente notevole chiudendo la run a 86.00

Non si è capita la tattica di Yuki Tsubota, la quale prima in classifica dopo la prima run, ha deciso di fare una seconda run molto rilassata, la quale l’ha penalizzata forse un pochino visto il risultato delle altre. La solare Emma Dahlstrom invece ha recuperato anche lei in seconda run 83.40

Results
1. Kelly Sildaru, 90.80
2. Tiril Sjastad Christiansen, 86.00
3. Emma Dahlstrom, 83.40
4. Johanne Killi, 77.20
5. Yuki Tsubota, 74.20
6. Dara Howell, 29.60

Il commento alla gara ci è dovuto, Kelly sarà il futuro dello slopestyle Femminile questo ne siamo tutti certi, come è certo che forse il suo livello da atleta professionista a 13 anni, non le permettere più di vivere tutto come un gioco. Il freeski è per lei è già un lavoro? Ci piacerebbe chiederle veramente quanto per lei il freeski sia importante e quanto si diverte.

Quanto viene impegnata rispetto agli altri? Anche Aspen è un piccolo prodigio dello ski e sta crescendo anche lui, proporzionato al fatto che il livello maschile cresce veramente a dismisura, ma in una sua intervista ha ben specificato che lui a scuola ci va e gli piace anche, mentre Kelly fa tutta la scuola a casa, non potrebbe fare altrimenti visto quanto si allena, quindi non si relaziona con i suoi coetanei ma solo con un mondo di grandi. La sua tensione pre run era veramente tanta e non ha avuto forse neanche il coraggio di realizzare che aveva vinto il Dew Tour.