Home Ski News L’intervista ad Arianna Tricomi su 4Skiersmag
Pubblicità

L’intervista ad Arianna Tricomi su 4Skiersmag

0

Arianna Tricomi e la sua intervista la potete trovare sul nuovo numero di 4Skiersmag. From Corvara with Love l’abbiamo intitolata, nonostante Arianna stia studiando a Innsbruck. Con lei ho fatto una bellissima chiacchierata su Skype dove ci siamo confrontate su come far coincidere studio e sport a volte è difficile, come si cresce stando in mezzo ai ragazzi a girare in park o in fresca, ma di quanto è soddisfacente vedere qualcuno che crede in te in questo caso per Arianna e il nuovo sponsor Scott.

image

Vi lasciamo qui le prime due domande che abbiamo fatto ad Ari, il resto lo potete trovare tutto nel nostro magazine in edicola.

Ciao Arianna, innanzitutto complimenti per la nuova sponsorizzazione Scott. Vuoi raccontarci un po’ di te? Da dove vieni e cosa fai?
Un saluto a voi e grazie mille, sono felicissima di fare parte della Scott family. Sono di Corvara in Badia, ma da Marzo vivo a Innsbruck, dove studio fisioterapia.

Al momento la mia vita gira intorno all’università, e quando ho un po’ di tempo libero scappo a fare sport! Quando sono molto fortunata vado a surfare e se nevica vado a sciare!

Lo sci è la tua vita, dai paletti da piccola sei passata al freeski e ora al freeride. Spiegaci come sono avvenuti i passaggi da una disciplina all’altra e cosa ti ha spinto in una certa direzione.

<Penso di aver iniziato a sciare forse prima che a camminare. Un po’ come tutti ho iniziato facendo pali, è stato un periodo assai divertente che mi ha dato una buona base sugli sci. Ma ogni volta che nevicava scappavo dai pali e andavo a fare boschetti e salti. Così verso i 16 anni ho finalmente deciso di smettere con lo sci club e ho iniziato ad andare in park. Quante botte e cartelle, ma che bello avere la libertà di giocare con gli sci! Poi, quando nevicava, per me c’era solo il pensiero di andare in fresca. È lì che trovo la vera libertà, dove posso usare la natura come parco giochi e godere delle montagne nel loro complesso. Così ho deciso di provare a fare gare di freeride, è iniziato un po’ per gioco ma la stagione è andata più che bene. Sono molto felice.

Intervista di Sofia Marchesini