Home Ski News Lo Skier del Sud va in vacanza

Lo Skier del Sud va in vacanza

0

Dopo avervi offerto un breve Check-out su cosa succede al nord nel summer time alla più grossa percentuale di skier, ecco che da profondo sud arriva la risposta dei nostri amici! Siete pronti a leggere in seguito lo stereotipo di un skier del sud Italia durante l’estate?

Chiarello and co (skiers del centro e sud italia) ci hanno mandato qualche riga sulla scena freeski estiva delle loro parti!

“Qui dove la penisola si assottiglia, dove le montagne piu’ alte lasciano spazio alle spiagge, alle campagne e alle colline, dove le distanze tra i vari mari si riducono… ecco i modi per tenersi in forma per chi pratica il freeski e si trova come ogni fine stagione, in citta’, con le mani in mano e con una forte nostalgia per l’inverno trascorso!

Sicuramente a causa della ridotta percentuale di skier che risiede in sud italia, a noi viene molto semplice prendere spunto da voi nordici! Però per qualcosa ci differenziamo!

In primis, noi non siamo così stereotipizzati, anzi il nostro vestiario è decisamente più ghetto style 🙂 ed in secundis ci tengo a precisare che da noi c’è il mare.

Sicuramente Slackline e tappeti elastici sono strumenti fondamentali e tipici che accomunano l’allenamento di tutti gli skiers, utilizzati per divertirsi e imparare nuovi trik. In qualsiasi parco pubblico si possono trovare due alberi dove poter montare una slack, come anche non e’ difficile trovare centri o palestre con i tappeti elastici!

Ma nelle calde giornate di sole il nostro divertimento piu’ grande e’ cercare un bello scoglio con la giusta altezza ed il giusto fondale, per dare il via a session di tuffi lunghe ore… altro che tappeti elastici e water ramps, noi gasiamo davvero super trikkoni degni dei migliori tuffatori a livello mondiale :-)… e così ci prepariamo per stupirvi in park! Ma diciamo che il tipico skier del sud si esprime anche in tanti altri modi, dal pattinaggio al surf, senza discriminazioni.

Ma quello che e’ difficile trovare nelle citta’ del meridione e’ una parete d’arrampicata, qui questo sport si trasforma e si evolve e lascia il posto al parkour o al freerunning, che e’ possibile praticare ovunque e rende piu’ divertente la corsetta pomeridiana. Quella che magari precede la session di palestra che abbiamo imparato a frequentare essenzialmente per prevenire noiosi infortuni.

Aspettando con ansia l’apertura dei ghiacciai estivi, “c’arrangiamm”, che nel gergo locale significa: ci arrangiamo con poco!! In attesa del 16 giugno si sprecano le feste, ed il divertimento made in south, d’altronde anche l’Avalanche ha bisogno del suo allenamento!!

Vi aspettiamo sulle nostre spiagge”

Articolo a cura di Andrea Chiariello