Pubblicità
Home Ciclismo News Memorial Giovanni Pascoli: chiusura in grande stile per Romagna Sprint
Pubblicità

Memorial Giovanni Pascoli: chiusura in grande stile per Romagna Sprint

0

Memorial Giovanni Pascoli: chiusura in grande stile per Romagna Sprint

E’ stato davvero un finale degno di un grande circuito come il Romagna Sprint il 5° Memorial Giovanni Pascoli, granfondo non agonistica organizzata domenica 9 settembre a San Mauro Pascoli dall’Ecology Team sotto l’egida della Uisp. Una manifestazione che ha avuto 2075 partecipanti contro i circa 1700 del 2011. Location d’eccezione è stata Villa Torlonia, detta La Torre, dove trascorse la sua giovinezza il grande poeta Giovanni Pascoli, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte. Quando si arriva davanti alla mole di Villa Torlonia il fiato si mozza in gola e mentre ci si avvicina all’ingresso ai lati si notano due epigrafi che riportano alcuni versi di Pascoli. In una, in cui si parla della Romagna, si legge: «Se Virgilio vagasse ancora cantando per le città romane il suo carme qui sosterebbe. Roma se ancora vinca di qui trarrà i bianchi bovi per le sue pompe trionfali». Nell’altra, invece, si leggono alcuni versi tratti dalla raccolta Myricae: «Ma voi solo vedevo amici pioppi! Brusivano soave tentennando lungo la sponda del mio dolce fiume». Leggendo queste parole e osservando il cortile e le mura di Villa Torlonia ci si immerge in un’atmosfera dai sapori antichi e subito affiorano alla memoria quei versi immortali: «O cavallina, cavallina storna, che portavi colui che non ritorna. Tu capivi il suo cenno ed il suo detto! Egli ha lasciato un figlio giovinetto». Sono i versi della poesia La cavalla storna, che si riferisce all’assassinio, avvenuto il 10 agosto 1867 e rimasto insoluto, del padre di Giovanni Pascoli, Ruggero, amministratore della tenuta agricola La Torre. Ed è proprio dallo splendido scenario da cartolina di Villa Torlonia che, a partire dalle 6,30, gruppi di ciclisti partono alla francese, lanciandosi in quest’avventura dopo una ricca colazione a base di crostate, pane e marmellata, pane e nutella, bibite varie e caffè. Tutto rigorosamente offerto dall’organizzazione. Tre i percorsi tra cui scegliere: il granfondo di 103,73 chilometri (dislivello di 1311 metri), il fondo di 89,43 chilometri (dislivello di 970 metri) e il turistico di 48,73 chilometri (dislivello 357 metri). Percorsi durante i quali i partecipanti hanno potuto rifocillarsi ai ricchissimi ristori con formaggio di fossa, crostate alla marmellata e alla cioccolata, torte di mele, stuzzicheria dolce, frutta secca, panini con prosciutto, spianate con salumi, succhi di frutta, coca cola, té, acqua e sali minerali. E una volta arrivati a Villa Torlonia via con il luculliano pranzo finale a base di pasta al ragù di piselli, porchetta prodotta dalla Bottega delle Carni di San Mauro Pascoli, salumi, torte, vino, birra, coca cola, caffè, dolci vari e gelato. Il tutto allietato con musica dal vivo. Poi tutti nella stupenda Sala degli Archi, dove si sono svolte le premiazioni della classifica di giornata, di quella finale del Romagna Sprint e di quella finale del Ct League, tutte vinte dalla Cicli Matteoni. Premiazioni a base di prosciutti, bici, vino Sangiovese Rocche Malatestiane e ceramiche faentine. Senza dimenticare i tanti premi speciali: alla Cicli Matteoni come società con il maggior numero di partecipanti, all’Olimpia Bike come società con più donne nel percorso medio e alla Porto Tolle di Rovigo come società con i 5 partecipanti provenienti da più lontano. Un omaggio è stato consegnato anche al Giampi Clan, proveniente dalla Sicilia. Insomma, davvero una grandissima festa alla quale è intervenuto Gianfranco Miro Gori, sindaco di San Mauro Pascoli. «Un grande successo – commenta stanco ma soddisfatto Dino Tamburini, coordinatore del Romagna Sprint e del Ct League –. La manifestazione è riuscita benissimo e il Romagna Sprint quest’anno ha superato i 500 abbonati. Il Ct League, che era al suo secondo anno di vita, ha avuto qualche problema, che stiamo risolvendo. Nel complesso il bilancio è più che positivo. Il mio grazie va a tutti i partecipanti e agli sponsor, in primis a Ecoplast-Acquaviva srl della Repubblica di San Marino e poi a Gaia Costruzioni, General d’Aspirazione, Gruppo Ivas, Outlet Paola Frani e Nucci Accessori. Un grazie anche a tutti gli altri sponsor. Un ringraziamento va poi ai Comuni coinvolti nella manifestazione, con in testa quello di San Mauro Pascoli, che ci concede l’utilizzo gratuito di Villa Torlonia, un palcoscenico di grande fascino e bellezza. E poi a Talamello, Sogliano al Rubicone, San Leo, Savignano sul Rubicone, Borghi, Sant’Arcangelo di Romagna, Poggio Berni, Verucchio, Maiolo e Villagrande di Montecopiolo. Grazie a tutti i miei collaboratori, senza i quali sarebbe impossibile mettere in piedi questo evento, all’associazione nazionale Carabinieri di Cesenatico e di Talamello, alla Protezione civile di Montefeltro e alle polizie municipali dell’Unione dei Comuni di Novafeltria e di San Leo. Arrivederci al 2013».

 

 

Pubblicità