Pubblicità
Home Ciclismo News Memorial Giovanni Pascoli: un finale di Romagna Sprint all’insegna del buon cibo
Pubblicità

Memorial Giovanni Pascoli: un finale di Romagna Sprint all’insegna del buon cibo

0

Memorial Giovanni Pascoli: un finale di Romagna Sprint all’insegna del buon cibo

Sarà davvero una grande festa il 5° Memorial Giovanni Pascoli, granfondo non agonistica che domenica 9 settembre sarà organizzata a San Mauro Pascoli dall’Ecology Team. Come tutte le feste che si rispettino anche questa Manifestazione, che sarà  l’ultima prova del circuito Romagna Sprint e che al tempo stesso chiuderà la Lega delle Gran Fondo non agonistiche CT LEAGUE, prevede un ricchissimo e gustoso menù, che delizierà i palati dei partecipanti, aiutandoli a dimenticare le fatiche dei percorsi disegnati dall’organizzazione: il granfondo di 113 chilometri (dislivello di 1757 metri), il fondo di 85 chilometri (dislivello di 1088 metri) e il turistico di 50 chilometri (dislivello di 385 metri). Il Memorial Giovanni Pascoli attraverserà un territorio famoso per il formaggio di fossa: quello di Sogliano al Rubicone (http://www.agraria.it/ilfossa/) e quello di Talamello. Una prelibatezza che potrà essere gustata dai partecipanti nel corso delle loro pedalate. I concorrenti potranno gustare crostata e succhi di frutta già prima della partenza, che si terrà dalle 6,30 alle 8 (solo per il percorso turistico fino alle 8,30) da  “LA TORRE” Villa Torlonia, dove trascorse la propria infanzia Giovanni Pascoli, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte. I partecipanti al percorso turistico troveranno di che ristorarsi a Sogliano al Rubicone , arrivando da Ponte Uso e, in cima alla salita in località Vignola, sarà posto il controllo con sistema Optipass: formaggio di fossa, crostate alla marmellata e alla cioccolata, torta di mele, stuzzicheria dolce, frutta secca, panini con prosciutto, spianata con salumi, succhi di frutta, coca cola, té, acqua e sali minerali. Per i percorsi fondo e granfondo il controllo sarà collocato in cima al Passo delle Siepi, più comunemente conosciuto come Passo del Grillo. Raccomandiamo a tutti i partecipanti di rispettare le norme del codice della strada (in alcuni punti ci sarà la concomitanza con un’altra manifestazione agonistica). Il primo ristoro sarà invece collocato in piazza Garibaldi, a Talamello: formaggio di Fossa (ribattezzato Ambra di Talamello dal poeta Tonino Guerra per via dello straordinario colore che assumono le arenarie alla riapertura delle fosse), crostate alla marmellata e alla cioccolata, torte di mele, dolci vari, frutta secca, panini con prosciutto, spianata con salumi, succhi di frutta, coca cola, té, acqua e sali minerali. Vale la pena di fermarsi qualche istante per ammirare lo splendido panorama della intera vallata che si può ammirare da questa piazza, che al suo centro ha una fontana zampillante dove riempire le borracce. Il percorso granfondo punterà poi verso Sartiano, Maciano e Soanne, giungendo a Villa Grande di Montecopiolo. Qui all’incrocio tra la SP 97 e la SP 6  sarà posto il controllo Optipass. Proseguendo sulla SP 6, dopo circa un chilometro, si arriverà a Serra San Marco posto a 1006m slm, dove ci sarà il ristoro: frutta secca, stuzzicheria dolce e salata, coca cola, té, acqua e sali minerali. Anche da questo punto si potrà ammirare la vallata che porta fino al mare con il Promontorio di San Leo. Il percorso granfondo continuerà poi per Madonna di Pugliano, San Leo appunto, Secchiano, SP 258 e Novafeltria. All’incrocio tra SP 250 e SP 8 si salirà a Perticara passando dal bivio per Talamello, dove avverrà il ricongiungimento tra i due percorsi. In cima alla salita sarà posto il controllo Optipass per entrambi i percorsi: Gran Fondo e Fondo. Raccomandiamo ancora a tutti i partecipanti di rispettare le norme del codice della strada (in alcuni punti ci sarà la concomitanza con un’altra manifestazione agonistica). I partecipanti proseguiranno per Savignano di Rigo e poi, giunti al ristorante Barbotto, troveranno un ristoro analogo a quello di Villagrande. A questo punto proseguiranno per Rontagnano, Montegelli, Strigara, Sogliano al Rubicone, fondo valle del Rubicone e arrivo alla “TORRE” Villa Torlonia. E qui via con il luculliano pranzo finale: pasta al ragù di piselli, porchetta prodotta dalla Bottega delle Carni di San Mauro Pascoli, salumi, torte, vino, birra, coca cola, caffè e dolce a sorpresa. Ci sarà insomma da leccarsi i baffi al Memorial Giovanni Pascoli. E anche questo, insieme ai tanti altri aspetti dell’evento curato dall’Ecology Team (come il pacco gara per tutti i partecipanti  e la musica per allietare la grande festa), lascerà di certo un ricordo indelebile nella memoria di tutti i partecipanti.

Pubblicità