Home Windsurf News Nicole e il suo windsurf…

Nicole e il suo windsurf…

0

È arrivata in redazione una segnalazione di un nostro lettore appena rientrato anche lui dal Sudafrica che ci comunica che c’era una ragazzina italiana di 14 anni che usciva ad Haakgat, uno degli spot più difficili della zona, anche quando in molti non erano in grado di farlo. È di Forlì, ha 14 e si chiama Nicole Bandini. Intanto ve la presentiamo su questi canali, poi la conosceremo meglio anche sulle pagine di FUNBOARD.
Nicole ha trascorso le vacanze natalizie in Sudafrica con il papà, anche lui surfista, e appena ho potuto vedere le sue foto ne sono rimasto molto colpito, nonostante le condizioni toste Nicole le affrontava senza esitazione.
Queste sono le notizie che ricevo e pubblico con molto piacere, FUNBOARD ha nel proprio DNA la promozione dello sport tramite i giovani, non a caso quando sono diventato caporedattore di questa rivista, nel 2006, il mio primissimo articolo è stato sui young guns di Bonaire/Hawaii e abbiamo poi continuato questa linea editoriale, dopo anche sul web, presentandovi nuovi personaggi nazionali e internazionali dando spazio con regolarità al settore dei giovani, la linfa vitale del nostro sport. Negli ultimi anni questo fenomeno si è ulteriormente accentuato anche grazie alle moderne attrezzature che permettono in poco tempo di compiere passi da giganti a chi si avvicina al windsurf e le nuove leve vengono alla luce di continuo.
Nicole mi ha detto di amare il wave e sta iniziando a dedicarsi al freestyle e allo slalom. Leggete bene le parole di questa ragazzina e stay tuned…

“Ciao sono Nicole Bandini… ho 14 anni e faccio windsurf da 6 anni, sono di Forlì e faccio nuoto agonistico da 8 anni.
Quest’anno ho avuto l’opportunità di andare in Sudafrica con mio padre, il mio idolo, è un posto fantastico per i windsurfisti e lo consiglierei a tutti. La ho avuto la possibilità di migliorarmi e pormi delle nuove sfide, che nemmeno credevo di superare, ma la soddisfazione più grande è stata non mollare nemmeno quando ero in difficoltà, oppure quando vedevo delle onde alte un albero. C’erano persone che quando vedevano quelle condizioni mi dicevano di non entrare…. così dicendo mi motivavano. Vorrei ringraziare tutte quelle fantastiche persone che mi hanno insegnato ad amare questo sport, e mi hanno aiutato a migliorare dandomi consigli. Un ringraziamento a Nautica Urban di Bellaria che mi aiuta con i materiali.”

Articolo precedenteLa stecca del vento di Matteo Spanu
Articolo successivoArthur & Alice Arutkin and Maxime van Gent nel Team Fanatic International
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.