Home Windsurf Eventi One Hour Classic 2015 Limited Edition

One Hour Classic 2015 Limited Edition

0

La One Hour Classic 2015 by RRD è terminata da 24 ore e Max Loncrini, in arte “Scanna” del team Starboard/P7 e classificatosi 15°, ci riassume i due giorni di gara.

one hour classic_2

Si, proprio così, un’edizione limitata o speciale se la si può chiamare così, la one Hour Classic 2015 svoltasi nella fantastica struttura del Circolo Surf Torbole  è ritornata ad essere un appuntamento imperdibile della stagione agonistica gardesana.
Con 97 partecipanti per la One Hour e 14 per la Half Hour (iniziativa per promuovere i pù giovani ) è già record.
Oltre ai top rider italiani, erano presenti anche alcuni dei più famosi e veloci top riders di Coppa del Mondo quali Antoine Albeau, Arnon Dagan, Julien Quentel e Micah  Buzianis.

one hour classic_5

Day 1
Il primo giorno si apre con la solita routine di iscrizioni, c’è molto movimento sin di primo mattino, tutti gli atleti preparano il loro materiale, visto che il tempo è incerto, le condizioni al Garda sono imprevedibili.
Una cosa che ho notato personalmente e di notevole rilevanza è stato vedere la presenza di molti giovani, che grazie ad iniziative atte a promuovere l’attività giovanile, sia da parte di vari circoli, associazioni e riviste del settore sta prendendo sempre più piede; d’altronde sono loro il futuro del nostro sport. In tutto questo anche RRD sta dando un forte contributo con la promoione di una classe monotipo, CLICCA QUI.

10838277_10152839388687397_7113867023886597115_o
Lo Skippers meeting viene posticipato causa pioggia verso mezzogiorno, ma comunque l’ora non si fa attendere ed entra decisa.
Tutti i rider all’ammaino dell’intelligenza hanno a dispozione 20 minuti per portarsi sulla linea di partenza posizionata sopra la Conca d’oro.
Il vento in barca giuria è dai 14 ai 18 nodi, non si perde un minuto e pronti via, partenza a dir poco spettacolare e a razzo dei 97 slalomari tutti dietro al gommone guidato dal nuovo presidente del circolo Armando Bronzetti; come da consuetudine la partenza è a coniglio.
La battaglia per i primi posti è veramente ardua, le posizioni cambiano di continuo causate anche dai continui cali di vento, le condizioni del tempo variavano spesso; sole, pioggia e ad un certo punto un po’ di grandine alla boa sotto il Ponale, è stata davvero una gara dura ma entusiasmante.
Il comitato di regata decide di fermare la gara all’incirca 10 minuti prima della fine dell’ora, da subito viene detto che la gara non sarà valida come One Hour ma dopo aver stilato la classifica, le prime 5 posizioni sono queste:

1.   Arnon Dagan ISR 1 (RRD, Neil Pryde)
2.   Iachino Matteo ITA 140 (Fanatic, North Sails)
3.   Antoine Albeau FRA 192 (RRD, Neil Pryde)
4.   Andrea Cucchi ITA 1 (Starboard, P7)
5.   Micah Buzianis USA 34 (JP, Neil Pryde)

La giornata si chiude con l’aperitivo a Torbole RRD/Surf Planet e poi da un beach party organizzato all’interno del Circolo Surf Torbole, l’atmosfera che si respira è davvero bella.

11046693_10152838761712397_1949039771922672511_o

11402394_10152838761527397_7111635001417959650_o

10333801_10152838761142397_3922731685176484329_o

11084195_10152838846462397_4565971607617187416_o

Day 2
Per la seconda giornata le previsioni sono buone, il tempo dovrebbe essere più stabile in modo tale da completare la One Hour senza interruzioni.
Il vento entra piuttosto presto, alle 11:00 soffia già l’ora, alle 12:00 entrano in acqua i ragazzini per l’Half Our, e subito dopo terminata la loro gara iniziano le procedure per la Classica.
I riders sono indecisi su che misura mettere, 8,6 o 9,3?
Il classico dilemma, entrerà forte o leggero ?
La precisione dei top riders nel scegliere la vela giusta è una delle  principali chiavi per poter  vincere; questa scelta è dettata soprattutto dall’esperienza.
Alle 13:15 viene dato lo start, ma buona parte della flotta parte prima del passaggio del gommone sulla linea di partenza, di conseguenza la prima partenza viene annullata, così vale anche per la seconda; i regatanti sentono la pressione e sanno che anche un metro perso in partenza o un piccolo errore potrebbero costare parecchie posizioni  in classifica.
La terza è buona, e via tutti a palla di cannone verso la prima boa, il vento sembra essere costante, soffia dai 14 ai 16 nodi; partenza ottima di Marco Begalli ITA 415 inseguito dal gruppetto di testa, anche oggi le posizioni ai vertici cambiano spesso, Antoine Albeau è sempre li davanti a cercare la vittoria contrastato dallo stato di forma imbarazzante  di Matteo Iachino, reduce della vittoria del Pwa In costa Brava settimana scorsa.

one hour classic_4

Alla fine è lui a tagliare il traguardo per primo, volava letteralmente sull’acqua e in strambata mangiava metri agli altri iridati  per la vittoria finale.
Oggi la gara è valida perché si è riusciti a portare a termine un’ora di gara senza notevoli salti di vento, automaticamente la classifica del primo giorno viene annullata e i primi 5 posti sono i seguenti:

1.   Iachino Matteo ITA 140 (Fanatic, North Sails)
2.   Albeau Antoine FRA 192 (RRD, Neil Pryde)
3.   Micah Buzianis Usa 34 (JP, Neil Pryde)
4.   Malte Reuscher ITA 7777 (JP, Neil Pryde)
5.   Begalli Marco ITA 415 (Starboard, Severne)

 one hour classic_3

La gara è stata molto bella, organizzata molto bene dal Circolo ed ogni anno sta migliorando, lo si può notare dal sempre maggiore numero di iscritti, tanti gli stranieri presenti.
Alla premiazione il giudice Claudio Alessandrello, pronuncia la classifica e a sorpresa viene battuto da Matteo Iachino il record detenuto da Alberto Menegatti della One Hour 2013, i due erano grandi avversari ma soprattutto grandi amici; le parole dette da Matteo Iachino durante la premiazione penso che vadano oltre allo sport: “Si, il record è stato battuto, ma non so Alby aveva virato una o due volte per prendere la boa, il percorso era lo stesso ma…” Penso no serva aggiungere altro.

ITA4LEGENDSNEVERDIE RIDING4ALBY.

11220771_10152840412902397_2556468017011489885_o 10531364_10152840412912397_5567160644841775810_o

TESTO Max Loncrini
FOTO Andrea Mochen

Articolo precedenteGuinness record: 66 surfisti su una tavola ad Huntington Beach
Articolo successivoVeloce perturbazione, altre onde in arrivo!
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.