Home Mtb News Pauwels torna ai vertici in Coppa

Pauwels torna ai vertici in Coppa

0

Pauwels torna ai vertici in Coppa

La quinta tappa della Coppa del Mondo di ciclocross a Namur (Bel) ha riproposto ai massimi livelli Kevin Pauwels, il belga della Sunweb-Revor vincitore del trofeo di cristallo nel 2011 che nella gara di casa ha siglato la sua più bella prestazione dell’anno, bissando il successo ottenuto nella gara di apertura a Tabor (cze). A Namur Pauwels ha letteralmente dominati rifilando distacchi pesanti a tutti i rivali, andando in fuga già nel primo degli 8 giri previsti, aumentando il vantaggio nella terza tornata quando il francese Mourey si era lanciato all’inseguimento. Pauwels ha dimostrato di trovarsi a suo agio sul percorso ricco di fango e di cambi di ritmo, mentre Mourey pagava caro lo sforzo retrocedendo anche a causa di una foratura. Ecco così che alle spalle di Pauwels si sviluppava una splendida sfida fra i due protagonisti della Coppa, l’iridato Albert e Nys, con il primo che sembrava potersi garantire il secondo posto senza però fare i conti con il grande recupero di Nys. All’arrivo così Pauwels chiudeva con quasi un minuto di vantaggio su Nys che nel finale scavalcava Albert anche grazie a una foratura di quest’ultimo, riducendo a 10 punti il ritardo in classifica, ma con Pauwels che ora è a soli 11 punti. 17° Enrico Franzoi a 4’11”, 21° Mirco Tabacchi a 4’42”, 49° Marco Ponta a 3 giri. Fra le donne quarta vittoria nella challenge per l’americana Katherine Compton, davvero “intrattabile” in questo periodo. Le avversarie hanno lottato per le piazze d’onore e a spuntarla è stata la ceka Katerina Nash. Prova di grande livello quella della pluriolimpionica Marianne Vos (Ned) che dopo cadute e forature nel finale è ritornata sulle britanniche Harris e Wyman e la belga Van Paassen per ottenere un incoraggiante terzo posto nella sua prima prova stagionale di Coppa. Buona prova in chiave italiana per Eva Lechner, ottava a 2’41” dalla Compton. Nelle altre categorie, non valide per la challenge, successi dell’americano Owen Logan fra gli juniores e per l’olandese, iridato nella Mtb, Michiel Van Der Heijden fra gli Under 23.