Home Windsurf Prodotti Point-7 AC1 Zero15

Point-7 AC1 Zero15

0

4Windsurf vi presenta in anteprima la nuova AC-1 Zero15 di Point-7. La vela con cui Alberto Menegatti ritornerà a partecipare alle gare Slalom PWA dopo lo stop forzato di quest’anno, CLICCA QUI.
Andrea Cucchi ci racconta qualche cosa in più su questo nuovo bolide nero.

altAlb9HqKlSIJKVZBZF8s2iyr_fZRrSAwHQ0vrDX4yAfkY

Quest’anno abbiamo attuato molti cambiamenti sulle vele come mai in precedenza. La grande rivoluzione dell’anno scorso era stata il camber nuovo, che aveva portato anche una miglioria nell’entrata del profilo regalando una velocità maggiore, oltre il materiale sulla tasca dell’albero e piccolo ritocchi in balugina.

altAnr450d1YNOwhepSuKJwoToLV62eDcLN8LvvoiF_4TgS

Quest’anno siamo partiti presto con lo sviluppo grazie alla motivazione del team e come vedete la vela ha subito molti cambiamenti. Abbiamo portato la vela ad essere più snella nell’outline e penna per creare meno atrito. Questo ha portato la vela ad essere più veloce e leggera in mano. L’abbiamo portata al suo limite in questo perchè abbiamo fatto dei prototipi dove siamo andati anche oltre, scoprendone i limiti! Le nuove tasche delle stecche sono in Xply per avere una vela più reattiva in accelerazione per il minor allungamento.

_TDF3619Abbiamo ridotto le basi per poter tenere la vela con più rake arretrato e quindi poter mettere ancora più pressione sulla pinna per sfruttare meglio la potenza di essa. Abbiamo dei tendistecca nuovi che eliminano i rod da dietro in modo da risparmiare 250 gr sulla parte posteriore della vela, l’uscita del profilo è più pulita e la vela rimane più stabile e comoda. Abbiamo anche messo un nuovo materiale meno reattivo nella parte della vela che vogliamo che rimanga più ferma possibile per dare maggior controllo in vento forte. Ci sono molti dettagli nuovi come il proteggi tasche stecche di gomma, la base della prolunga, e altri rinforzi nuovi.

_TDF3622

Sulla 9.3 siamo calati di oltre 600 grammi dallo scorso anno. Si potrebbe scendere anche di quasi 1kg, ma non sarebbe corretto per un discorso di qualità della vela per chi la compra. A tutto c’è un limite. Ci sono molti altri piccoli cambiamenti per dare un tuning migliore sulle vele in ogni singola misura. Ogni misura è diversa dall’altra per poter dare il massimo in ogni tipologia di vento e misura di tavola per cui sono state sviluppate. Hanno tante caratteristiche diverse e ogni misura ha seguito la sua strada di sviluppo.

_TDF3616

Gli stessi alberi hanno curve diverse per ogni lunghezza per poter dare più controllo nelle misure piccole, e più potenza nelle misure grandi. Questo degli alberi è un dato che comunque non cambiamo da qualche anno per la ragione che crediamo di aver raggiunto le curve perfette che cercavamo, proprio per far si che i nostri clienti non devono cambiare anche gli alberi.

_TDF3625

Hanno lavorato allo sviluppo molti atleti del Black Team. Una decina di atleti hanno portato dei consigli utili per migliorare il prodotto. Alcuni erano solo interessati a ridurre il peso, e ci pregavano di non cambiare altro perchè la vela era già al top, altri che ci hanno fatto sudare perchè hanno voluto vedere e studiare ogni piccolo dettaglio. C’è stato un bel lavoro e penso che la differenza si veda sul prodotto finale.

Teniamo qualche segreto ancora nel cassetto che manca ancora un po’ di tempo prima di dover registrare il prodotto per il PWA del 2015. Quest’anno stazzeremo anche le AC-Kzero15 per il PWA. Mi piacerebbe fare le gare usandole personalmente. Nei test andavano troppo forte ed era divertente. Potrebbe essere interessante. Anche per le ragazze potrebbe essere forse vantaggioso… vedremo!

_TDF3612b

 

Articolo precedentePWA Cold Hawaii, il video della gara
Articolo successivoIl programma di protezione di Mavic
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.